Mondo
stampa

Medio Oriente: mons. Auza, pace si raggiunge con «negoziati» non con «scelte imposte»

«La pace in Medio Oriente può essere raggiunta attraverso soluzioni negoziate e non attraverso scelte unilaterali imposte dall'uso della forza». A ribadirlo è stato monsignor Bernardito Auza, osservatore permanente della Santa Sede all'Onu, nel suo intervento al Consiglio di Sicurezza su «La situazione in Medio Oriente inclusa la questione palestinese».

Percorsi: Medio Oriente - Onu - Pace - Santa Sede - Siria

Riguardo a quest'ultima - si legge nel testo, pronunciato il 21 ottobre ma diffuso oggi dalla Sala stampa vaticana - la Santa Sede «rinnova il suo sostegno a soluzione dei due Stati»: «Israele e Palestina, con il vigoroso supporto degli organi competenti delle Nazioni Unite e dell'intera comunità internazionale, devono lavorare verso l'obiettivo finale, che è la realizzazione del diritto dei palestinesi ad avere il loro Stato sovrano e indipendente, e il diritto di Israele alla pace e alla sicurezza». Per quanto riguarda «l'orribile situazione in Siria», mons. Auza chiede di «fermare urgentemente le massicce violazioni della legge umanitaria internazionale e dei diritti umani fondamentali», e ribadisce il dovere della comunità internazionale di «aiutare le parti a trovare una soluzione».

Riguardo alle violazioni e agli abusi commessi dal sedicente «Stato Islamico» in Iraq e in Siria, i competenti organismi delle Nazioni Uniti, sostiene l'osservatore della Santa Sede, devono «agire per prevenire un possibile nuovo genocidio e per assistere il crescente numero di rifugiati». In particolare la Santa Sede chiede «la protezione dei gruppi etnici e religiosi, incluse le comunità cristiane, che sono specificamente prese di mira a causa delle loro origini e credi religiosi». La Santa Sede, inoltre, «insiste sul rispetto dei diritti di queste comunità e di tutti i rifugiati di ritornare alle loro case e di vivere in dignità e sicurezza». L'auspicio della Santa Sede è che «le Nazioni Unite colgano il crescente, incessante fenomeno del terrorismo internazionale come un'occasione per rinforzare urgentemente le strutture giuridiche dell'applicazione multilaterale della responsabilità di proteggere i popoli da genocidio, crimini di guerra, pulizia etica, crimini contro l'umanità e qualsiasi forma di aggressione ingiusta». «È tempo di coraggiose decisioni», conclude l'esponente vaticano, invitando i leader religiosi della regione e di ogni altra parte del mondo a «giocare un ruolo decisivo nel promuovere il dialogo interreligioso e interculturale».

Fonte: Sir
Medio Oriente: mons. Auza, pace si raggiunge con «negoziati» non con «scelte imposte»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento