Mondo
stampa

Medio Oriente: salgono a 103 i morti nei raid israeliani a Gaza

È di 103 palestinesi uccisi e 675 feriti il bilancio complessivo nel quarto giorno dell'operazione israeliana “Barriera protettiva” contro la Striscia di Gaza: lo hanno riferito fonti del servizio sanitario palestinese.

Percorsi: Gaza - Israele - Palestina

Intanto, cresce di ora in ora l'urgenza di un intervento umanitario nella Striscia di Gaza, dove a causa dei raid israeliani 100 mila persone sono al momento senza acqua potabile e oltre 2.000 abitazioni risultano danneggiate. “Si sta lottando perché i servizi facciano fronte alle necessità, ma la mancanza di sicurezza sta rendendo difficile portare gli aiuti”, ha detto la responsabile dell'ufficio Mediterraneo di Oxfam Italia, Umiliana Grifoni.

A causa degli attacchi in corso - prosegue una nota della confederazione di 17 organizzazioni non governative - è stato necessario interrompere il lavoro di potabilizzazione dell'acqua, intanto però il 90% dell'acqua a Gaza non è più potabile. Il rifornimento d'acqua per 100.000 persone presso il campo profughi di Beach è stato interrotto, perché una tubatura e due pozzi a Gaza City sono stati colpiti e distrutti. “Le pompe idriche e gli impianti di depurazione potrebbero fermarsi entro pochi giorni a causa della grave mancanza di combustibile”, ha aggiunto Umiliana Grifoni. Un ospedale supportato da Oxfam, che ha finora assistito più di 50 feriti dalle bombe sganciate dagli attacchi aerei, riporta che nei prossimi giorni finirà il carburante indispensabile per compiere operazioni vitali in aiuto dei civili feriti.

Fonte: Asca
Medio Oriente: salgono a 103 i morti nei raid israeliani a Gaza
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Avatar
Franco Masini 12/07/2014 12:58
..non vorrei ripetermi, ma...."
"...il problema fra i due paesi medio orientali confinanti loro malgrado sulla striscia di Gaza persiste e sembra essere senza soluzione. Una spirale di violenza e di vendetta che non trova mai fine . Un conto dei morti che non torna mia perché sarebbe bastato che si fossero fermati ai primi tre ragazzi israeliani uccisi per calmare le acque. Invece no! Il motivo è che la loro religione, Ebraica e Islamica, prese forma in un tempo in cui i colpevoli di reato venivano giudicati e uccisi barbaramente dal Sinedrio in quel momento al potere. Lo stesso dicasi per l'Islam.dove ambiziosi Imam, fino a oggi, forti della presunzione di interpretare in modo giusto il Corano, predicano la guerra invece del perdono.
Sono le vestigia del Codice di Hammurabi (1700 AC) dove vigeva la legge del taglione che a tanti piace ricordare per poter governare col terrore. Ecco spiegato il motivo del perpetrarsi dei cruenti fatti di Israele e della Palestina che ormai non incantano più nessuno.
Come fare? Bisogna che i loro capi religiosi la smettano di predicare odio e vendetta e facendo tesoro del Vangelo, dove Gesù insegna che la miglior vendetta é il perdono, convincano i loro adepti che questa spirale di violenza é inutile e dannosa e deve finire" Franco

Totale 1 commenti

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento