Mondo
stampa

Mons. Galantino in Iraq: «impegno continuativo di prossimità solidale» della chiesa italiana

Fitta agenda d'incontri per il segretario generale della Conferenza episcopale italiana, monsignor Nunzio Galantino, da ieri in Iraq con una piccola delegazione di Caritas Italiana allo scopo di portare la vicinanza solidale della Chiesa italiana a un Paese stremato dalla violenza. Oggi mons. Galantino si è intrattenuto a lungo con i rappresentanti della Chiesa irachena: monsignor Basar Sarda, vescovo caldeo della diocesi di Erbil, monsignor Amilcare Nona, vescovo caldeo della diocesi di Mosul, monsignor Burrosi Moshe, vescovo siro cattolico a Qaraqosh.

La loro accoglienza è stata particolarmente cordiale, cogliendo l'occasione di potersi confrontare fraternamente e vista anche la paura della Chiesa locale di essere dimenticata dai cristiani d'Occidente: «Voi siete giustamente preoccupati dell'Isis - hanno detto i vescovi - ma non scordatevi di noi e delle sofferenze che le nostre comunità stanno patendo per il solo motivo di essere cristiane». Dal 2003 circa un milione e mezzo di cristiani hanno lasciato il Paese, per ragioni di sicurezza. L'integralismo dei terroristi del proclamato Stato Islamico ha, inoltre, riversato centinaia di migliaia di persone sulle strade. Solo dalla pianura di Ninive sono scappati 150mila cristiani e 200mila yazidi.

 «La nostra Chiesa - hanno assicurato i vescovi al segretario generale della Cei - è in prima linea nel soccorrere questi profughi, senza distinzioni di etnie o di fedi religiose. Chi scappa, viene a cercare la Chiesa proprio con questa fiducia». E mons. Galantino ha potuto toccare con mano questa solidarietà senza confini, visitando a Erbil alcune delle strutture nelle quali vengono ospitati i profughi: il centro St. Joseph, il centro di Ankawa e quello di Karamles. Al loro interno è stato accolto da decine e decine di famiglie, molte delle quali vivono in tenda o ammassate nelle aule di catechesi delle parrocchie. «Vengo ad assicurarvi non solo che non siete dimenticati - ha detto ai vescovi - ma anche ad offrirvi la disponibilità della Chiesa italiana ad avviare un impegno continuativo di prossimità solidale». In quest'ottica, mons. Galantino ha portato il via libera al finanziamento del progetto di un'università cattolica a Erbil (1 milione e 600mila euro, stanziati dal Servizio per gli interventi caritativi della Cei su fondi otto per mille): «Oggi - assicura mons. Warda - 12mila studenti non riescono ad accedervi, perché mancano i posti; il Governo ci spera, perché sono consapevoli che nelle nostre strutture cristiani e musulmani convivono senza difficoltà ed escono con una formazione d'eccellenza».

Accanto a questo progetto, mons. Galantino si è reso disponibile a lanciare un gemellaggio tra famiglie italiane e famiglie di profughi, così da assicurare loro almeno per un anno l'accesso ai beni primari. Infine, visitando i centri d'accoglienza e ascoltando la richiesta della gente di non venire nuovamente dispersa, dopo l'esperienza scarnificante dell'esodo, si è impegnato a sostenere la costruzione - promossa dai vescovi locali - di alcuni villaggi molto essenziali: la Chiesa conta di collocarvi a breve le famiglie che ora vivono nelle tende, affinché possano avere almeno un rifugio nel quale superare l'inverno ormai alle porte.

Fonte: Sir
Mons. Galantino in Iraq: «impegno continuativo di prossimità solidale» della chiesa italiana
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento