Mondo
stampa

Naufragio in Egitto: Forti (Caritas), «sconforto e disorientamento. Servono vie legali e sicure»

«Abbiamo appreso di questa tragedia durante i lavori del Migramed. Una tragica coincidenza che conferma la nostra preoccupazione per quanto sta accadendo nel Mediterraneo». Così Oliviero Forti, responsabile dell’area immigrazione di Caritas italiana, commenta al Sir il naufragio di un’imbarcazione con 600 migranti partita dall’Egitto, con decine di vittime finora accertate ma si teme che i morti siano molti di più.

Percorsi: Caritas - Immigrati - Mare - Profughi
Parole chiave: sbarchi (250)
Naufragio in Egitto: Forti (Caritas), «sconforto e disorientamento. Servono vie legali e sicure»

In questi giorni Caritas italiana sta compiendo una visita studio tra Italia, Austria e Slovenia per parlare della situazione alle frontiere. «Il timore che ci siano tanti minori tra i dispersi (dall’Egitto ne partono moltissimi) – afferma Forti – aumenta il senso di sconforto e disorientamento verso una tragedia umana che sembra accadere senza trovare soluzioni di continuità». «Non ci stancheremo mai di dire – conclude – che i canali legali e sicuri d’ingresso, i corridoi umanitari e soprattutto una seria politica di aiuto all’Africa sono le uniche risposte che nei prossimi anni potranno evitare queste tragedie».

Fonte: Sir
Naufragio in Egitto: Forti (Caritas), «sconforto e disorientamento. Servono vie legali e sicure»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento