Mondo
stampa

Niger: Msf, aumenta violenza, rischio umanitario per migliaia

«Dopo i recenti attacchi di Boko Haram l'aumento della violenza nel Niger sudorientale crea preoccupazione per la situazione umanitaria della popolazione».

Percorsi: Niger - Terrorismo
Parole chiave: Msf (47), Boko Haram (28)

È quanto si legge in un comunicato diffuso oggi da Medici senza frontiere (Msf), l'organizzazione umanitaria costretta a ritirare temporaneamente le proprie équipe dall'area di Diffa e a trasferirle in altre zone del Paese. «Le persone hanno iniziato a fuggire da Diffa e non è ancora chiaro dove si siano stabilite. Centinaia di veicoli hanno lasciato la città dopo gli ultimi attacchi», spiega Mohamed Morchid, capo progetto di Msf in Niger. «Ora temiamo che la preoccupante situazione umanitaria potrebbe spostarsi in altre aree del Paese, mentre i rifugiati nigeriani rimasti nell'area di Diffa perché non avevano altri posti dove andare sono del tutto privi di risorse». Si stima che circa 150.000 persone, soprattutto donne, bambini e anziani da diverse città, abbiano dovuto lasciare la Nigeria. In Niger, Msf ha iniziato ad assistere i rifugiati in fuga dalla violenza nel dicembre 2014. «È nostra intenzione tornare il prima possibile per capire dove si siano rifugiate le persone, in quali condizioni si trovino e come possiamo fornire un'assistenza adeguata», afferma Morchid.

Fonte: Sir
Niger: Msf, aumenta violenza, rischio umanitario per migliaia
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento