Mondo
stampa

Nigeria: Caritas, «c’è la speranza di far tornare i rifugiati nello loro case»

«C’è la speranza di far tornare i rifugiati nello loro case, ma le distruzioni sono enormi». È quanto afferma padre Evaristus Bassey, direttore di Caritas Nigeria, in questi giorni a Roma per la riunione promossa da Caritas Internationalis sul dramma del milione di rifugiati e sfollati causati dalle violenze di Boko Haram.

Parole chiave: Boko Haram (28)

«Boko Haram - dice a Fides il direttore - è una setta che combatte tutti coloro, anche musulmani, che non aderiscono alla sua ideologia. Tra i rifugiati, il 20% circa sono musulmani, più del 40% cristiani e il resto appartiene alla religione tradizionale africana. Per evitare tensioni, e soprattutto per paura della presenza d’infiltrati di Boko Haram, i responsabili dei campi di accoglienza non permettono di tenere iniziative a carattere religioso all’interno delle strutture». Una di queste è quella di Maroua alla quale una delegazione di vescovi nigeriani ha fatto visita ai primi di marzo. Nel campo ci sono circa 40mila rifugiati che hanno accolto i vescovi con canti e danze. «Le stesse scene di gioia - racconta il sacerdote - che abbiamo visto quando abbiamo visitato gli sfollati accolti a Yola, ad Abuja e in altre parti della Nigeria». La speranza è che una volta che «l’esercito nigeriano avrà liberato le aree occupate da Boko Haram si possa far ritornare gli sfollati nelle loro case. Ci vorrà del tempo perché le distruzioni sono enormi», conclude padre Bassey.

Fonte: Sir
Nigeria: Caritas, «c’è la speranza di far tornare i rifugiati nello loro case»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento