Mondo
stampa

Nigeria: card. Onaiyekan (Abuja), per sconfiggere Boko Haram «amnistia» per chi depone le armi

«Se concedessimo l'immunità a chi lascia Boko Haram, la maggior parte dei miliziani deporrebbe le armi». Ne è convinto il cardinale John Onaiyekan, arcivescovo di Abuja, che in una conversazione con Aiuto alla Chiesa che Soffre (Acs) nota come almeno l'80% degli appartenenti al gruppo fondamentalista non ne condivida affatto il pensiero.

Percorsi: Acs - Nigeria - Terrorismo
Parole chiave: Boko Haram (28)
Attentato dei Boko Haram in Nigeria (Foto Sir)

«Sono pochi quelli che sposano realmente l'ideologia di Boko Haram», osserva il porporato, aggiungendo che «gli altri sono stati reclutati con la forza e lascerebbero volentieri la setta islamista se fosse offerta loro la possibilità». Sì, quindi, a un'amnistia per i terroristi che si consegnano liberamente alle autorità, impegnandosi a interrompere i rapporti con il gruppo. «Soltanto in questo modo potremmo convincere altri membri a lasciare il gruppo», afferma il porporato ricordando come il 16 settembre scorso il presidente nigeriano Mohammadu Buhari si sia detto pronto ad accordare un tale provvedimento qualora i fondamentalisti liberassero le 200 studentesse rapite a Chibok nell'aprile 2014. «Negli ultimi mesi vi sono state numerose incursioni nelle aree in mano a Boko Haram, che ormai ha perso il controllo anche di larga parte dei confini nazionali», annota Onaiyekan, ribadendo che, «ora che Boko Haram è in difficoltà, è fondamentale offrire una via d'uscita a quanti desiderino abbandonare il gruppo fondamentalista. Il nostro Paese è grande abbastanza per correre il rischio di un'amnistia».

Fonte: Sir
Nigeria: card. Onaiyekan (Abuja), per sconfiggere Boko Haram «amnistia» per chi depone le armi
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento