Mondo
stampa

Pakistan, arcivescovo di Lahore: «Continuiamo ad andare avanti, portando la croce»

«Ho visitato ogni letto, e ogni vittima di qualsiasi fede. È stato davvero difficile, perché ho visto tanti bambini di appena 4 o 5 anni, cristiani e musulmani, feriti o uccisi da questo terribile attacco». Queste le dichiarazioni di monsignor Sebastian Francis Shah, arcivescovo di Lahore, in esclusiva ad Aiuto alla Chiesa che Soffre, a seguito dell’attentato avvenuto ieri in un parco del capoluogo della provincia pachistana del Punjab, intorno alle 18.30 locali.

Cristiani in preghiera in Pakistan

Il presule ha parlato con ACS di ritorno dall’ospedale, dove ha fatto visita ad alcuni degli oltre 300 feriti e alle famiglie delle 72 vittime dell’attentato. Tra queste ultime anche 30 bambini.

Monsignor Shah conferma come per la comunità cristiana del Pakistan nei giorni di festa, quali Pasqua o Natale, sia d’uso dopo la messa e il pranzo in famiglia, uscire a passeggio in un parco per continuare i festeggiamenti. 

«Dopo l’attentato dello scorso anno alle due Chiese cristiane nel quartiere di Youhanabad temevamo che potesse verificarsi un attacco e per questo il governo ci aveva fornito tutte le misure di sicurezza necessarie per proteggere le Chiese, ma nessuno aveva pensato al parco». Nel pomeriggio di Sabato Santo le autorità locali avevano anche indetto un briefing per concordare le necessarie misure di sicurezza. Monsignor Shah ritiene plausibile che la comunità cristiana fosse l’obbiettivo degli attentatori, ma sottolinea come tra le vittime e i feriti vi siano anche molti musulmani. Il presule ha offerto conforto e consolazione anche a loro. «Ai miei fedeli ho detto di non perdere la speranza, perché anche se affrontiamo un periodo di grave difficoltà, dobbiamo imparare a rialzarci così come Cristo ha saputo rialzarsi pur portando la croce. E così noi, pur portando la nostra croce dobbiamo riuscire ad andare avanti. Perché Dio è e sarà sempre con noi».

Al telefono da Lahore, Peter Jacob, già direttore della Commissione Giustizia e Pace del Pakistan conferma ad ACS come i terroristi abbiano cercato di causare il maggior numero di vittime possibili e colpire in particolare modo la comunità cristiana».

Jacob sottolinea l’aumentato impegno da parte dell’esercito e del governo pachistano nel cercare di fronteggiare il terrorismo e non esclude che la scelta del parco Gulshan-i-Iqbal, non distante dalla casa di famiglia del Primo Ministro Nawaz Sharif possa rappresentare un messaggio per il premier. «Questa è la sua città e anche suo fratello, Shahbaz Sharif vive qui - afferma - dunque non possiamo escludere che gli attentatori abbiano voluto in qualche modo mandare un avvertimento alle autorità».

L’attentato potrebbe anche essere legato alle gravi tensioni che hanno seguito alla recente esecuzione di Mumtaz Qadri, che nel 2011 aveva ucciso il governatore dl Punjab Salmaan Taseer, «colpevole» di aver criticato la legge antiblasfemia. Qadri era ritenuto da molti un eroe perché aveva giustamente ucciso un blasfemo, e per questo la sua esecuzione è stata a lungo rimandata. Dopo la sua morte in tutto il paese vi sono state numerose proteste. «Non possiamo escludere un legame perché tra manifestanti e attentatori vi è un certo link ideologico», afferma Jacob.

Fonte: Comunicato stampa
Pakistan, arcivescovo di Lahore: «Continuiamo ad andare avanti, portando la croce»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento