Mondo
stampa

Palestina: Banca Etica e Federcasse, con programma «Start up Palestine» 20 milioni in 3 anni

Una delegazione di Banca popolare Etica e di Federcasse (la Federazione italiana delle Banche di Credito cooperativo italiane) ha partecipato ieri a Ramallah, in Palestina, all’incontro «Un anno di Start Up Palestine: risultati raggiunti e prospettive future» organizzato dal Consolato Generale d’Italia a Gerusalemme e dall’Unità italiana della cooperazione allo sviluppo. 

Percorsi: Banche - Cooperazione - Palestina
Parole chiave: Banca etica (13), Bcc (20)
Bambini palestinesi (Foto Sirt)

L’obiettivo dell’incontro, si legge in una nota di Federcasse, che si è svolto alla presenza del ministro del Lavoro palestinese, Mamoun Abu Shahla, del console generale d’Italia a Gerusalemme, Davide La Cecilia, è stato fare il punto sul contributo offerto dall’Italia alla creazione di opportunità di impiego e di crescita economica sostenibile per i gruppi più marginalizzati in Palestina.

Banca Etica e Federcasse sono infatti partner del programma «Start Up Palestine» dell’Unità Tecnica Locale della Cooperazione Italiana a Gerusalemme: un programma che intende contribuire a ridurre i livelli di disoccupazione, a sostenere la generazione di reddito, con particolare attenzione al lavoro giovanile e femminile, e a promuovere la nascita di banche di territorio e reti di micro imprese in Palestina. Il progetto prevede l’erogazione di finanziamenti agevolati per 20 milioni di euro nell’arco di 3 anni.

La delegazione di Banca Etica, guidata dal presidente Ugo Biggeri, ha illustrato la propria esperienza quasi decennale nel sostegno ad alcune organizzazioni di micro finanza in Palestina specializzate nello sviluppo delle aree rurali. Nel 2009 ha finanziato con 120 mila dollari l’organizzazione palestinese Reef-Finance che lavora per garantire l’accesso a servizi di micro finanza nelle aree rurali della Palestina consentendo così lo sviluppo di imprese agricole cooperative.

Nei giorni scorsi è stato già garantito un primo prestito di 1 milione di dollari a favore di «Acad-Finance», una delle principali realtà di micro finanza palestinesi. Federcasse, per mezzo del direttore generale Sergio Gatti, ha presentato uno studio di fattibilità congiunto con la Palestine Monetary Authority finalizzato a introdurre modifiche alla legge bancaria locale. Il contributo richiesto al Credito cooperativo italiano è quello di supportare sotto un profilo tecnico le Autorità Palestinesi al fine di far evolvere il quadro regolamentare in modo tale da favorire la nascita e lo sviluppo di banche «specializzate» e di loro associazioni, per dare impulso a reti di micro e piccole imprese (soprattutto femminili e giovanili) e promuovere forme di sviluppo partecipato, basato su criteri di democrazia economica ed efficienza aziendale.

Fonte: Sir
Palestina: Banca Etica e Federcasse, con programma «Start up Palestine» 20 milioni in 3 anni
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento