Mondo
stampa

Premio Sakharov a Malala: Mobeen (pakistani cristiani), «riconoscimento importante»

Shahid Mobeen, docente di pensiero e religione islamica alla Pontificia Università Lateranense e fondatore dell’Associazione pakistani cristiani in Italia: «è proprio dell’educazione che ha più bisogno il nostro Paese»

Percorsi: Diritti umani - Pakistan
Parole chiave: Malala Yousafzai (1), premio Sakharov (1)

«È un gesto importante per riconoscere il servizio che Malala dà per contribuire all’educazione delle donne in Pakistan. Perché è proprio dell’educazione che ha più bisogno il nostro Paese». Così Shahid Mobeen, docente di pensiero e religione islamica alla Pontificia Università Lateranense e fondatore dell’Associazione pakistani cristiani in Italia, commenta al Sir, l’assegnazione del premio Sakharov per la libertà di pensiero del Parlamento europeo a Malala Yousafzai, l’adolescente gravemente ferita dai talebani in Pakistan mentre tornava da scuola, che si batte per il diritto all’istruzione delle donne nel suo Paese. «Malala, vittima dei talebani perché andava a scuola e parlava dell’educazione femminile - afferma Mobeen -, è un simbolo di coraggio. È una ragazza che porta avanti una forte testimonianza. Mi auguro che i giovani del Pakistan possano imparare da lei, per aiutare la crescita di tutti i cittadini, a prescindere dalla fede a cui appartengono».

Fonte: Sir
Premio Sakharov a Malala: Mobeen (pakistani cristiani), «riconoscimento importante»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento