Mondo
stampa

Siria, Acs: «accendiamo una luce ad Aleppo»

Donare elettricità alle famiglie cristiane di Aleppo per aiutarli a sopravvivere in questo momento di gravi difficoltà per la guerra. E' l'ultima iniziativa di Aiuto alla Chiesa che soffre.

Padre Ibrahim Alsabagh

In questi giorni drammatici, Aiuto alla Chiesa che Soffre è vicina al popolo siriano e in particolar modo agli abitanti di Aleppo, ridotta in macerie dopo quattro anni di incessanti combattimenti. Prima dell’inizio della guerra nel 2011, in città vivevano oltre 150mila cristiani, mentre ora ne sono rimasti circa 40mila. «Oggi – ha affermato monsignor Antoine Audo, vescovo caldeo di Aleppo – abbiamo paura che Aleppo diventi una nuova Mosul».

Per sostenere i cristiani e permettere loro di continuare a vivere nel proprio paese, ACS sta promuovendo il progetto «Accendi una luce ad Aleppo», una raccolta fondi per donare l’elettricità necessaria a sopravvivere. Due ampere sono il quantitativo minimo per accendere appena due o tre lampadine ed una radio o un televisore. La Fondazione si è impegnata a garantire tale quantitativo per almeno un anno a 624 famiglie cattoliche della città, per un totale di 140mila euro.

A chiedere l’aiuto ad ACS è stato padre Ibrahim Alsabagh, frate francescano della Custodia di Terra Santa e parroco dal 2014 della chiesa di San Francesco d’Assisi ad Aleppo. «La maggior parte delle nostre famiglie vive al di sotto della soglia di povertà – ha scritto il religioso siriano– almeno così potremmo garantire una vita dignitosa ai cristiani che non hanno voluto abbandonare la Siria o non ne hanno avuto la possibilità per motivi economici».

Aiuto alla Chiesa che Soffre, che dall’inizio della crisi in Siria ha realizzato progetti a sostegno della popolazione locale per oltre 10milioni e 400mila euro, ha quindi deciso di offrire questo semplice ma fondamentale aiuto per alleviare il tragico quotidiano dei cristiani aleppini. Così le donne, che trascorrono molte ore in quello che rimane delle loro case, potranno avere il minimo conforto per le necessità domestiche ed i loro figli potranno continuare a studiare anche al calar del sole. «Una vita al buio è impossibile da immaginare, ma ad Aleppo è diventata realtà – afferma il direttore di ACS-Italia Alessandro Monteduro – ecco perché vi chiediamo di sostenere questo progetto. Perché, appunto, Aleppo non diventi una nuova Mosul».

Fonte: Comunicato stampa
Siria, Acs: «accendiamo una luce ad Aleppo»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento