Mondo
stampa

Siria: Sant’Egidio, «Aleppo è allo stremo, subito una tregua». Mobilitata la Caritas

La città siriana di Aleppo è allo stremo, questo l’appello lanciato ieri dalla Comunità di Sant’Egidio. Intanto Caritas Siria ha attivato un fondo d’emergenza e lanciato una campagna per chiedere la fine dei combattimenti.

Percorsi: Siria
Aleppo distrutta dai combattimenti (Foto Sir)

«Aleppo è allo stremo. Ci vuole subito una tregua per liberare gli abitanti da un assedio che li sta uccidendo a partire dai più deboli, dai malati, dai bambini. Si dia priorità alla popolazione, ormai priva di tutto il necessario». È l’appello lanciato dalla Comunità di Sant’Egidio che, in una nota, rileva come «un accordo politico tra le parti sembra lontano» e «gli appelli dell’Onu per una tregua umanitaria restano finora inascoltati». Ciò comporta che «Aleppo, città-simbolo della convivenza tra culture e religioni, attraversi il momento più duro della sua storia» anche perché «le forze in campo non risparmiano alcun mezzo, nemmeno il più atroce, per ottenere una vittoria che sfugge a tutti da ben cinque anni».

«La storia – ha scritto recentemente il fondatore della Comunità, Andrea Riccardi – chiederà conto di tanti morti e di tante distruzioni. Bisogna fermarsi finché ci sono ancora un po’ di speranza e di vita ad Aleppo». «Non possiamo lasciar morire Aleppo sotto i nostri occhi», conclude la nota.

Intanto Caritas Siria ha attivato un fondo d’emergenza per rispondere ai bisogni sempre più urgenti della popolazione di Aleppo sotto assedio. «Purtroppo dalla Siria continuano ad arrivare notizie di vittime civili della guerra, in particolare da Aleppo. È inaccettabile che tante persone inermi – anche tanti bambini – debbano pagare il prezzo del conflitto, il prezzo della chiusura di cuore e della mancanza della volontà di pace dei potenti». Questo l’ennesimo appello di Papa Francesco per la pace in Siria. La rete Caritas è impegnata dall’inizio del conflitto a fornire cibo, assistenza sanitaria, istruzione, alloggio, consulenza, protezione e mezzi di sussistenza agli abitanti della Siria e ai rifugiati nei Paesi ospitanti. Gli aiuti Caritas hanno raggiunto 1,3 milioni di persone solo lo scorso anno.

E a luglio, proprio con un video-messaggio del Papa la Caritas ha lanciato una Campagna per chiedere che ci si impegni affinché tutte le parti in conflitto si incontrino per trovare una soluzione pacifica, che si assicuri sostegno ai milioni di persone colpite dalla guerra e che sia data speranza a tutti i siriani dentro e fuori dal Paese.

Per rispondere ai bisogni delle famiglie sfollate ad Aleppo, Caritas Siria ha ora attivato un fondo d’emergenza. Caritas Italiana – grazie anche al contributo di un milione di euro del Comitato Cei «8 x mille» – dall’inizio della crisi a tutto il 2015, ha risposto agli appelli di Caritas Siria e delle Caritas nazionali dei Paesi del Medio Oriente che hanno accolto i rifugiati (Giordania, Libano, Turchia, Grecia e Cipro), sostenendo interventi per un totale di 2.800.000 euro, dei quali oltre 1.200.000 nella sola Siria, in cui per il 2016 sono stati già messi a disposizione circa 500.000 euro. Si tratta quasi ovunque di programmi di assistenza di base, viveri, medicine, alloggi.

Fonte: Sir
Siria: Sant’Egidio, «Aleppo è allo stremo, subito una tregua». Mobilitata la Caritas
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento