Mondo
stampa

Siria: mons. Hindo (siro-cattolico), famiglie cristiane in fuga da Hassake

Nella città siriana di Hassake, si combatte strada per strada, dopo che i miliziani jihadisti (Daesh) sono riusciti, giovedì scorso, a entrare in alcuni quartieri, provocando l'esodo di massa di almeno 120mila persone.Tra i primi a fuggire, quasi 4.000 famiglie cristiane appartenenti a varie Chiese che hanno in gran parte trovato rifugio a Qamishli, città raggiunta anche dall'Arcivescovo Jacques Behnan Hindo, alla guida dell'arcieparchia siro-cattolica di Hassakè Nisibi.

Profughi in Siria

«L'esercito governativo - riferisce monsignor Hindo all'agenzia Fides - sta riguadagnando terreno, con molta difficoltà, visto che si combatte in ambiente urbano». Dal suo racconto emerge che una parte della popolazione locale si è messa dalla parte dei miliziani del Daesh. «Quando questi sono arrivati nel quartiere di al-Nachwa, - afferma l'arcivescovo - da lì hanno fatto uscire le donne e i bambini. Ma i maschi giovani e adulti sono rimasti, e si sono schierati col Daesh». Intanto per la nuova massa di profughi concentrata soprattutto a Qamishli, è già iniziata l'emergenza umanitaria. «Caritas Siria ha mandato i suoi aiuti - riferisce Hindo - ma le esigenze aumentano di giorno in giorno. Tra i cristiani non ci sono feriti, ma anche molti di loro, come tutti gli altri, sono concentrati in accampamenti di fortuna. Tanti dormono all'aperto, e la situazione si complica di giorno, per il  caldo insopportabile».

Fonte: Sir
Siria: mons. Hindo (siro-cattolico), famiglie cristiane in fuga da Hassake
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento