Mondo
stampa

Dossier a cinque anni dalla nascita dello stato

Sud Sudan: Caritas Italiana, «50mila morti e oltre 2 milioni di sfollati e profughi»

«Il 9 luglio 2016 il Sud Sudan, il Paese più giovane del mondo, celebra i 5 anni dalla sua nascita con il tragico primato dell’aver vissuto nell’ultimo anno e mezzo la più cruenta guerra civile del continente africano: 50.000 morti, oltre 2 milioni di sfollati e profughi, intere città date alle fiamme, stupri di massa e brutalità di ogni genere contro i civili, arruolamento diffuso di bambini soldato».

Percorsi: Caritas - Profughi - Sud Sudan
Un campo profughi (Foto Sir)

È quanto afferma Caritas Italiana presentando, alla vigilia del quinto anniversario dalla nascita del Sud Sudan, il dossier «2016: Un nuovo inizio?» nel quale, si legge in una nota, «si ripercorrono le tappe più importanti di questo martoriato Paese e si offre uno spaccato della situazione socio-economica, delle dinamiche alla base del recente conflitto, delle principali questioni aperte, con uno sguardo anche al Sudan».

Con questo dossier, Caritas Italiana fa eco al «messaggio di speranza e incoraggiamento per il futuro» lanciato dai vescovi del Sud Sudan «alla vigilia dell’anniversario e dopo i recenti accordi di pace e la formazione di un governo di unità nazionale». «In Sudan e Sud Sudan – sottolinea Caritas Italiana – complessivamente dal 2011 al 2016 sono stati impiegati circa 2,5 milioni di euro provenienti principalmente da donazioni private e collette in ambito parrocchiale e diocesano» mentre «nel 2016 si sono intensificati gli interventi in risposta all’emergenza legata al conflitto grazie al contributo della Conferenza episcopale italiana con fondi dell’8x1000».

Fonte: Sir
Sud Sudan: Caritas Italiana, «50mila morti e oltre 2 milioni di sfollati e profughi»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento