Mondo
stampa

Terra Santa: decisione Alta Corte, il muro israeliano non passerà più a Cremisan

«Il Muro non passerà più a Cremisan. L’Alta Corte di Israele ha rigettato la richiesta del ministero della Difesa israeliana di costruire il muro nella Valle di Cremisan».

Percorsi: Israele - Palestina
Parole chiave: Cremisan (1)
Un tratto di Muro in costruzione

A riferirlo al Sir sono fonti locali, subito dopo aver appreso la notizia. «Il Triduo Pasquale è iniziato sotto i migliori auspici» dichiarano le fonti vicine al Patriarcato latino di Gerusalemme. Come è noto la costruzione di una parte del muro di separazione nella valle di Cremisan, nell’area di Betlemme, prevedeva il passaggio sulle terre agricole a rischio espropriazione di 58 famiglie del villaggio palestinese di Beit Jala. Nell’espropriazione sarebbero stati coinvolti anche due monasteri salesiani, uno delle suore che gestiscono una scuola materna con 400 bambini cristiani e musulmani e l’altro dei monaci produttori del vino di Cremisan. Contro l’edificazione del muro in questa zona si è sempre battuta la Chiesa cattolica locale per la quale questo pezzo di muro aveva il solo scopo di collegare gli insediamenti israeliani di Gilo e Har Gilo.

«Si tratta di una grande vittoria - spiega al Sir l’avvocato Raffoul Rofa, direttore della Society of St. Yves che opera in senso al Patriarcato latino di Gerusalemme e che ha seguito il caso giudiziario - la Corte ha rigettato la costruzione del muro secondo il percorso scelto dal ministero della Difesa di Israele. Questo, infatti, non avrebbe garantito l’integrità dei due monasteri salesiani, delle terre agricole che appartengono alle famiglie del villaggio di Beit Jala. Secondo la Corte andavano tenuti presenti i danni che la costruzione avrebbe potuto cagionare. Le nostre istanze sono state accettate. Oggi, dopo una battaglia cominciata nel 2006, possiamo parlare di grande vittoria legale».

Secondo quanto riportato da fonti palestinesi la Corte ha chiesto allo Stato israeliano di considerare altre alternative meno dannose per la popolazione locale e per i monasteri siti nella valle di Cremisan. La Corte ha confermato che il percorso suggerito dalla Difesa israeliana non è l’unica alternativa in grado di assicurare la sicurezza e di provocare meno danni possibili. Nella sentenza la Corte ha deciso che il Comando militare deve riconsiderare il tracciato. A riguardo uno dei due giudici della Corte ha aggiunto, a titolo personale, che ogni progetto futuro dovrebbe assicurare l’integrità e la contiguità dei due monasteri e la loro accessibilità da parte della popolazione locale. Ciò significherebbe che i due monasteri dovrebbero rimanere sul lato palestinese del muro. Con questa decisione, affermano le fonti palestinesi, la Corte ha riconosciuto che il Muro, nel suo tracciato previsto, era stato progettato per confiscare una vasta area di terre proprietà delle famiglie di Beit Jala.

Fonte: Sir
Terra Santa: decisione Alta Corte, il muro israeliano non passerà più a Cremisan
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento