Opinioni & Commenti
stampa

Chi ha paura degli scout? Lo strano «caso San Rossore»

Ci vuole coraggio. Non quello dei 30 mila scout cattolici dell’Agesci, che dal 6 all’11 agosto saranno ospiti a San Rossore per la loro Route nazionale. Tema, per l’appunto, il coraggio nelle sue migliori, dolci e audaci declinazioni.

Percorsi: Agesci
Scout Agesci

Ci vuole coraggio, coraggio sfrontato, ad accusare gli scout di apprestarsi a devastare la tenuta, ignorando lo studio d’incidenza ambientale, le dichiarazioni del direttore del parco, per non dire della natura e della storia dell’Agesci. L’ultima Route si tenne nel 1986, quando 17 mila rover e scolte raggiunsero una delle più amene località italiane, i Piani di Pezza in Abruzzo, a quota 1.700 metri. Lasciando tutto come prima, anzi meglio.

Ci vuole il coraggio degli «intellettuali e ambientalisti» che lo scorso 17 aprile firmano una petizione, un petardo a uso e consumo dei media pisani, divenuto bombetta un mese e mezzo dopo quando, con curioso ritardo, deflagra sulla prima pagina del «Corriere della sera». Coraggio e faccia tosta perché, tra i firmatari, troviamo pure chi, nel 1986, era tra i sostenitori dei Piani di Pezza. Ma perché stupirci? È lo stesso sfrontato «coraggio» degli intellettualini romani che, dall’alto delle terrazze dei loro attici, con la puzzetta sotto il naso, nel 2000 scrivevano dell’inevitabile devastazione di Roma all’approssimarsi delle orde di giovani per la loro Giornata mondiale. Non accadde niente ma nessuno chiese scusa.

Ma ci vuole coraggio pure, quando ormai i media nazionali hanno dato voce ai protagonisti disinnescando il petardone, tornare sulla vicenda come ha fatto martedì 17 giugno «Toscana Notizie», l’agenzia d’informazione della Regione, con un mega-comunicato di 1.002 parole (6.447 caratteri), per innescare e disinnescare di nuovo, a scoppio ritardatissimo, la castagnola, bum. Lodevole intenzione, forse. Ma chi sentiva il bisogno di tanto eccesso di zelo, ormai superfluo?

Infine ci vuole coraggio, misto a una dose di simpatica faccia tosta, a scrivere lo scorso 13 giugno a pagina 13 su «Sette», il magazine dello stesso «Corriere» che fece scoppiare il mortaretto: «La polemica degli intellettuali e dei soloni dell’ambiente contro il raduno scout a San Rossore pare una caricatura del conservatorismo dell’accademia italiana, una metafora dell’arroganza dello spirito. Ero stato invitato a San Rossore, ho risposto di no perché non ero sicuro di esserci: ora chiedo di essere riammesso». Firmato: Aldo Cazzullo. Ma sì, riammettetelo. Ma nutritelo alla sobria mensa della truppa. E fatelo dormire in tenda. Dimenticando la zanzariera…

Chi ha paura degli scout? Lo strano «caso San Rossore»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Avatar
Franco Masini 10/07/2014 08:52
"...ci vuole coraggio ad accusare gli scouts..."
"...Anch'io da giovane facevo parte dei Lupetti e rammento che per il solo fatto di essere una associazione cattolica, gli Scouts, venivano molestati dai fascisti. Così, anche solo per divertimento...! Oggi che il fascismo per fortuna é finito, si pretende di dare loro colpe che non hanno ossia quella della devastazione. Anzi! Gli scouts, semmai ve ne fosse bisogno, sono proprio coloro che propongono ed attuano la pulizia del territorio; il ripristino delle cose rotte, dimenticate ed avariate e sono tante! Forse é per questo che non sono ben visti dai leaders (vedi sindaci e presidenti di parchi e quant'altro) che dovrebbero provvedere e non lo fanno! Bisognerebbe Indagare perché questa ripulsa é il segno tangibile di qualche irresonsabilità" Franco

Totale 1 commenti

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento