Opinioni & Commenti
stampa

E Pistoia s’interroga su cosa significhi essere capitale della cultura

Nessuno se l’aspettava. Neppure gli amministratori (primi firmatari della candidatura) perché nessun sindaco si sarebbe permesso di «bucare» l’annuncio romano: e Bertinelli, il 25 gennaio, è restato a Pistoia delegando l’assessore Elena Becheri a gioire per un obiettivo raggiunto a sorpresa.

Percorsi: Cultura - Pistoia
Una edizioni di «Dialoghi sull'uomo» nel centro di Pistoia

Che non se lo aspettasse nessuno, si vede pure dal dossier di candidatura: 60 pagine (cfr sito del Comune) che mettono «in bella» ciò che Pistoia già fa e mettono in fila opere che attendono la concretezza (e i tempi) dei progetti operativi. È stata scelta la «città rocciosa» (Piero Bigongiari) adesso sfidata a «schiudere il guscio facendo attenzione a non frantumarlo». E sarà interessante capire cosa faranno ora a Pistoia, superata la sorpresa, per arrivare a un traguardo davvero vicino.

Due, nel dossier vittorioso, gli ambiti indicati con 20 azioni per una spesa di 15 milioni: riqualificazioni urbane (ex ospedale, mura urbane, piazze, chiese …) e infrastrutture (palazzi storici, teatro, biblioteca). Un’altra tabella indica le «somme previste» con una cifra (6 milioni, di cui uno arriva dal ministero come premio per il titolo e il resto soprattutto da Comune e Fondazione Cassa di Risparmio): ulteriore testimonianza di come grande sia il lavoro da compiere, anche verso Regione e privati, per raggiungere l’altra cifra realizzando, certo in più anni, quelle opere. Elevato, nella vittoria, il richiamo alla oggettiva bellezza della città e al fattore «religioso»: chiese, pulpiti, fregio robbiano, dipinti, piazza Duomo, Santiago di Compostela.

E il 2017 vuol dire Ippolito Desideri, il gesuita pistoiese che 300 anni fa iniziò la sua azione evangelizzatrice in Tibet. Resta da capire cosa significhi essere «capitale» della cultura; cosa significhi al di là del turismo sperato e per il quale la città, piano piano, sta colmando lo storico deficit di ospitalità alberghiera; cosa significhi per gli abitanti (92 mila che salgono a 288 mila nella provincia) e se quel «guscio», pieno anche di tradizionali divisioni, sarà davvero capace di schiudersi e di stupire.

Per adesso a Pistoia si godono la soddisfazione. Nessuno se lo aspettava, nessuno ci credeva, ma la città dei vivai e dei confetti, del blues nelle piazze e degli organi nelle chiese, di Michelucci e di Bolognini, del medioevo e dell’arte contemporanea (pure dei piatti musicali. Quelli usati anche dai Rolling Stones) sta per diventare «capitale della cultura». Adesso deve correre. Per dimostrare che la scelta era quella giusta.

E Pistoia s’interroga su cosa significhi essere capitale della cultura
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento