Opinioni & Commenti
stampa

Obiezione di coscienza

In morte di Pietro Pinna, primo italiano a rifiutare di indossare la divisa

E' morto ieri a Firenze, dove viveva da tempo, all'età di 89 anni. A 21 anni, nel 1948, influenzato dalle idee di Aldo Capitini, con il quale avrebbe poi fondato il Movimento Nonviolento e dato vita nel 1961 alla marcia della pace Perugia-Assisi, si rifiutò di indossare la divisa per le sue convinzioni etiche, maturate nel corso della guerra. Quella scelta gli costò 18 mesi di carcere.

Percorsi: Firenze - Pace
Parole chiave: Obiezione di coscienza (11)
La Marcia della pace Perugia-Assisi, nata nel 1961 anche per iniziativa di Pietro Pinna

Sono passati 51 anni da quel comunicato dei cappellani militari della Toscana in congedo in cui bollavano la «cosiddetta obiezione di coscienza» come «un insulto alla Patria e ai suoi caduti», oltre che «estranea al comandamento cristiano dell’amore ed espressione di viltà». Oggi li farebbero visitare da uno psichiatra. Ma in quegli anni trascinarono davanti ad un tribunale don Lorenzo Milani, nel silenzio complice di gran parte del mondo cattolico.

Pochi anni prima, nel 1961, il sindaco di Firenze Giorgio La Pira, era stato incriminato per aver fatto proiettare il film «Non Uccidere» del regista francese Claude Autant-Lara. Erano gli anni in cui, un giovane lombardo dell’Ac, Giuseppe Gozzini, – primo obiettore di coscienza cattolico – era stato condannato a sei mesi di carcere per aver rifiutato di indossare la divisa al Car di Pistoia. E lo scolopio Padre Ernesto Balducci, che lo aveva difeso pubblicamente in un’intervista al «Giornale del Mattino», denunciato per apologia di reato. Assolto dal Tribunale di Firenze, fu poi condannato dalla Corte d’appello con una sentenza piena di riferimenti teologici preconciliari.

Se oggi ci sembrano fatti paradossali, confinati nel passato, è grazie a persone che hanno testimoniato la verità a qualunque costo. Come Pietro Pinna, morto ieri a Firenze, dove viveva da tempo, all'età di 89 anni. Lui che a 21 anni, nel 1948, influenzato dalle idee di Aldo Capitini, con il quale avrebbe poi fondato il Movimento Nonviolento e dato vita nel 1961 alla marcia della pace Perugia-Assisi, fu il primo italiano a rifiutare di indossare la divisa, non in nome di una fede (come facevano i testimoni di Geova), ma per le sue convinzioni etiche, maturate nel corso della guerra. Quella scelta gli costò 18 mesi di carcere. E nel 1973 era stato di nuovo condannato per direttissima per vilipendio delle Forze Armate per aver affisso un manifesto di lutto il 4 novembre. Pietro Pinna ha sempre tenacemente testimoniato la sua ferma convinzione che «non si può sconfiggere la guerra senza eliminarne lo strumento che la rende possibile, gli eserciti».

Come ci ricorda in una nota il Movimento Nonviolento «oggi, i giovani, che tanto a cuore stavano a Piero, che si affacciano all'esperienza del servizio civile, sanno – o dovrebbero sapere – che la loro esperienza di difesa civile non armata e nonviolenta è possibile soprattutto grazie all'impegno di una vita di Pietro Pinna».

In morte di Pietro Pinna, primo italiano a rifiutare di indossare la divisa
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento