Opinioni & Commenti
stampa

L'Abc della famiglia: permesso, scusa e grazie

«Permesso, scusa, grazie». Tre parole-chiave per la convivenza. Tre parole che si imparano in famiglia, e che in qualche modo ne determinano il futuro, perché «se in una famiglia si dicono queste tra parole, la famiglia va avanti».

Percorsi: Famiglia - Papa Francesco
L'Abc della famiglia: permesso, scusa e grazie

Tutto bene, se a menzionare queste tre parole è una maestra elementare alle prese con i primi rudimenti di educazione civica da somministrare ai suoi piccoli allievi, che hanno appena fatto ingresso nella «scuola dei grandi» e devono rispolverare atteggiamenti e parole già apprese in famiglia, cimentandosi in quel percorso di apprendimento delle regole che comincia ora ma dovrebbe durare tutta la vita.

Se, però, a ricordare la centralità di queste tre parole - talmente semplici, all’apparenza, da apparire perfino banali - è un Papa, dal sagrato della piazza più famosa del mondo, allora questo richiamo suona davvero sorprendente, anzi sconvolgente. Perché ci invita tutti - ben oltre i confini degli oltre 150mila radunati ieri in piazza San Pietro - a fare un serio esame di coscienza su cosa sono diventate le nostre famiglie e su come è cambiato il clima che ne scandisce i ritmi quotidiani.

«Permesso, scusa, grazie». Tre parole che dovrebbero innanzitutto parlarci di attenzione all’altro, di cura reciproca, di volontà di crescere insieme, di imparare a conoscere se stessi tramite il volto di chi ci sta accanto, riconoscendo con umiltà e franchezza i nostri sbagli, quando arrivano i conflitti e le incomprensioni. Per poterci rialzare subito dopo la riconciliazione - strada per noi umani sempre in salita, e che spesso intraprendiamo riluttanti - con mio fratello, mia sorella, mio papà, mia mamma, i miei figli.

Quelli che sono i miei commensali a tavola, e ai quali rivolgo sguardi il più delle volte distratti, perché magari preferisco concentrarmi su «protesi digitali». «Quante volte diciamo grazie in famiglia?». L’invito del Papa è esigente, e tutti noi, famiglie italiane, vogliamo raccoglierlo partendo da un’altra parola chiave del pontificato: l’amore, l’unico antidoto all’indifferenza e alla disumanizzazione. Perché è in famiglia che si impara l’alfabeto dell’umano. A patto, però, di crederci ancora.

Fonte: Sir
L'Abc della famiglia: permesso, scusa e grazie
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento