Opinioni & Commenti
stampa

Ma il Governo lo sa cosa sono i patronati e i Caf?

Qualcuno spieghi al premier e ai ministri competenti che i patronati e i Caf non sono emanazione solo delle organizzazioni sindacali. Questo per dissipare il malizioso sospetto che il nuovo, consistente taglio previsto nella legge di stabilità 2015 per gli uni e per gli altri possa essere in qualche modo collegato alla nota incompatibilità di carattere, e non solo, fra governo e Cgil, Cisl, Uil.

Percorsi: Fisco - Governo - Sindacati
Ma il Governo lo sa cosa sono i patronati e i Caf?

Ma lasciamo stare le polemiche, le ipotesi di «ritorsioni» e via fantasticando. Qualcuno spieghi al premier e ai ministri competenti che i patronati, e per la loro parte di competenza anche i Caf, suppliscono da sempre alle carenze pubbliche, ad iniziare da quelle dell’Inps, sono presenti capillarmente sul territorio e svolgono un servizio sociale nei confronti di milioni di cittadini, in particolare anziani e comunque persone con reddito basso e che hanno bisogno di essere seguite e supportate.

L’alternativa sono le agenzie private, i commercialisti e i ragionieri. Nulla contro di loro, fanno semplicemente il loro mestiere ma sono un’altra cosa.

Si dirà che in tempi di tagli ognuno deve fare la propria parte, ma i patronati in particolare l’hanno già fatta e togliere loro altri 50 milioni, più 100 ai Caf appare, una sorta di «accanimento terapeutico». Si dirà poi che patronati e Caf sono troppi, peccato che siano espressione di un pluralismo sindacale e associativo che ha sempre rappresentato una risorsa. Qualcuno spieghi, ancora, che i patronati vivono grazie anche al volontariato di tante persone. Anche per questo non meritano di essere ulteriormente mortificati.

Ma il Governo lo sa cosa sono i patronati e i Caf?
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento