Opinioni & Commenti
stampa

Reyhaneh impiccata: alla forca opponiamo il cuore in ascolto

La preghiera è la nostra risposta, non intesa come esorcismo, talismano, o ottundimento della ragione a favore di una giustizia celeste che salderebbe in parità i conti, ma come una postura profonda che imprime al vivere un moto altro. Una giovane vita è stata brutalmente spenta ma la battaglia contro la pena di morte deve farne un trampolino di lancio, deve arrivare a conquistare tutti.

Percorsi: Iran
Reyhaneh

La notizia di Reyhaneh, giustiziata barbaramente, non può che indurre a tristezza per il fondo toccato da persone che avrebbero dovuto garantire giustizia. Indubbiamente il diritto iraniano conosce la sua prassi ma, a quanto è dato di sapere, il processo si è dimostrato una farsa, una giostra di argomenti insostenibili, un tutto dominato da pregiudizi pseudo-religiosi.

Se si considera, da donne, la ricaduta di sofferenza di uno stupro o di un tentato stupro, non ci si può che indignare contro chi non riconosce la legittima difesa dinanzi ad un gesto di violazione così grave e irrimediabile. La donna, nella sua femminilità, nel suo sentire, nel suo collaborare alla vita della società, è stata, una volta di più, negata nella sua libera scelta.

Anche lasciando agli esperti di diritto internazionale di pronunciarsi sulla legittimità del processo e ancor più sulla legittimità dell'esecuzione, monta la preoccupazione per la strada, nettamente in discesa nella scala dei valori.

La testimonianza della giovane iraniana, emancipata e lavoratrice, nel corso dell'ultima telefonata con la propria madre, apre uno spiraglio che, probabilmente, è l'unico che ci consenta di sopravvivere e di poter pensare ad un'umanità che collabori e viva insieme, senza dover ricorrere solo a difendersi e a prepararsi per una guerra.

Al «diyeh», il prezzo del sangue, cioè il «conto» che il condannato deve pagare alla famiglia della vittima in risarcimento della morte per giungere ad una sorta di patteggiamento, che avrebbe modificato la sentenza da pena capitale a detenzione, noi cristiani opponiamo nelle tenebre questo spiraglio e vogliamo percorrerlo. La certezza di «ritrovarsi lassù insieme» non cancella il percorso della giustizia, non annulla l'interrogarsi obiettivo e dimostrato sulla realtà dei fatti.

La preghiera è la nostra risposta, non intesa come esorcismo, talismano, o ottundimento della ragione a favore di una giustizia celeste che salderebbe in parità i conti, ma come una postura profonda che imprime al vivere un moto altro.

Alla forca opponiamo il cuore in ascolto dell'Altissimo, con qualsiasi denominazione lo si chiami (per noi cristiani il Padre del Signore Gesù), al Suo gesto creatore che continua a creare e a chiedere libera risposta.

Non ci resta altro, dopo aver mobilitato tutte le voci autorevoli della nostra società, dopo aver chiamato in causa Francesco, vescovo di Roma, perché la vita fosse rispettata. Siamo ad una svolta.

Nella mancanza di rispetto per l'autodifesa, per la parola inascoltata di una donna offesa, per le voci di numerose associazioni che si sono prodigate, manifestiamo un grande e lungo silenzio che non significa obliterazione, nascondimento ma elevazione del grido muto all'Altissimo.

Egli ascolta ma chiede che venga mutato il cuore, chiede che, nell'assoluta libertà, le persone si guardino con occhi diversi e la violenza che impera venga sbriciolata, resa innocua e la sua forza diventi costruttiva.

I musulmani pregano, si prostrano visibilmente nel corso della giornata. Noi cristiani preghiamo, ci inchiniamo dinanzi a Dio, alla Sua Presenza eucaristica nella storia.

Credenti di ogni religione, di ogni credo, nella cocente lacerazione inflitta a tutti con questa esecuzione, reagiscono con un grido che implora aiuto perché un nuovo fiotto di educazione, di attenzione, percorra menti e cuori.

Si deve creare una rete di solidarietà reciproca, mutua, che ci affratelli nello slancio profondo verso la Luce che sconfigge le nebbie delle tenebre.

Non abbiamo scampo: le più autorevoli voci internazionali della nostra società hanno espresso appelli, richiami, suppliche. Tutti inascoltati. Tutti falliti.

Il rullo del tamburo che annuncia la morte si è fatto sempre più incalzante, insistente, impermeabile ad ogni sollecitazione.

Una giovane vita è stata brutalmente spenta ma la battaglia contro la pena di morte deve farne un trampolino di lancio, deve arrivare a conquistare tutti.

Lo chiediamo tutti al Creatore di tutti con cuore orante.

Fonte: Sir
Reyhaneh impiccata: alla forca opponiamo il cuore in ascolto
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Avatar
Franco Masini 28/10/2014 17:50
",,,povera Reynaheh"
"...non ho parole per descrivere il senso di frustrazione che provo all'annuncio di questa uccisione. Ci siamo così tanto abituati a ragionare da "Cristiani" e dunque contro la violenza, la schiavitù, la sopraffazione, l'insulto, la bestemmia e naturalmente la pena di morte, da renderci impreparati al dolore che una tale situazione comporta. Forse è per questo che il Mondo inteso come umanità superficiale e materialista di tanto in tanto necessita di uno scossone, di qualche cosa che lo spinga a riflettere sul reale valore della vita contrapposto a quello della morte e si commuova. Non è dunque per spirito di acquiescenza che spero vivamente che tali fatti non accadono più, ma per rispetto sia della vita in generale (anche animale) che dei sentimenti, a chiunque essi appartengano" Franco

Totale 1 commenti

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento