Al cinema
stampa

American sniper

È indiscutibile che Clint Eastwood, con i suoi 84 anni di vita e 59 di carriera cinematografica (43 come regista), sia attualmente una sorta di monumento nazionale americano.

Percorsi: Cinema
La locandina del film

Ciò porta a due conseguenze diametralmente opposte: giustificazione a priori di qualunque sua opera in nome di una sorta dell’aristotelico «ipse dixit» oppure dubbi e dilemmi (sempre a priori) dovuti al suo elogio dell’individualismo, all’appartenenza al partito repubblicano, a una sorta di nostalgia per i vecchi tempi e alla ricorrente accusa di essere un inguaribile reazionario. In entrambi i casi si va oltre il merito o il demerito della singola opera e pertanto si sbaglia.

«American Sniper» (dove sniper ha il significato di tiratore o cecchino) giunge a proposito per rinfocolare le polemiche da una parte e per permettere di fare il punto della situazione dall’altra.

Chris Kyle sente la necessità interiore di servire la patria e si arruola nella Marina nel 1999 diventando un Navy Seal e venendo assegnato alle operazioni in Iraq.

Diverrà il tiratore più celebre dell’esercito (c’è chi dice che abbia ucciso 250 nemici, ma il Pentagono ne conferma soltanto 160), ribattezzato dagli insorti «il diavolo di Ramadi», decorato con dieci medaglie e autore di un’autobiografia di successo. Morirà nel 2013 in un poligono di tiro, colpito da un commilitone affetto da disturbo post traumatico da stress che lui seguiva per il recupero.

È evidente che «American Sniper» non può essere liquidato come film reazionario ispirato e sorretto dal culto dell’eroismo. Eastwood non nasconde le proprie convinzioni sulla guerra giusta, sul senso della patria, sul senso del dovere e sul valore del singolo.

Non potrebbe neanche se volesse. Ma nel suo film c’è di più. Se sgombriamo il campo da un retroterra familiare che, in fondo, si limita a un rapido corteggiamento, un matrimonio, due figli e le ricorrenti lacrime della moglie Taya per il marito lontano, c’è alla base del film una sorte di pietà nei confronti dell’eroe che ne rilegge la figura, il ruolo e le motivazioni.
Chris Kyle potrebbe ricordare Alvin York («Il sergente York» di Howard Hawks), un altro tiratore eccezionale divenuto eroe suo malgrado.

Ma York, finita la guerra, tornò alla famiglia e alla sua attività di agricoltore (una sorta di Cincinnato) mentre Kyle, tornato a casa, non riesce a lasciare dietro di sé l’idea della guerra, incontra enormi difficoltà a riprendere un’esistenza normale e non a caso muore (fuori campo) per un colpo d’arma da fuoco, il cosiddetto fuoco amico. Eastwood non ha bisogno di esprimere questo concetto a parole: bastano le immagini dell’Iraq, dove Kyle ha potere di vita e di morte su uomini, donne e bambini su ciascuno dei quali la scelta è lasciata a lui secondo le cosiddette regole d’ingaggio, per spiegare come l’entusiasmo e l’eroismo siano sempre medaglie a due facce e come la fama di «cecchino americano» possa anche diventare una sorta di maledizione.

Come dire che la guerra, anche se a rappresentarla è qualcuno che ne concepisce l’utilità, proprio non può fare a meno di far emergere i suoi molti lati oscuri sollevando quesiti morali che non perderanno mai interesse.

In questo senso un attore non straordinario come Bradley Cooper si rivela ideale per il ruolo del protagonista: prima deciso, testardo e ostinato, poi alla ricerca di una giustificazione morale, quindi incapace di liberarsi di quanto costruito, infine travolto dagli eventi (cioè dal passato).

Clint Eastwood racconta tutto questo con uno stile secco e coinvolgente avendo l’intelligenza di non fossilizzarsi su un punto di vista ma di acquisire anche elementi critici e dissonanti che permettono un confronto e un dibattito.

Che poi tutto si concluda con lo sventolio della bandiera americana (come «Salvate il soldato Ryan», ma non come «Platoon») fa parte del gioco.

AMERICAN SNIPER
(Id.) di Clint Eastwood. Con Bradley Cooper, Sienna Miller, Kyle Gallner, Max Charles, Luke Grimes, Sam Jaeger. USA 2014; Drammatico; Colore

American sniper
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento