Al cinema
stampa

Il giovane favoloso

Già si sbaglia dicendo che «Il giovane favoloso» di Mario Martone sia un film biografico. Non è la vita di Giacomo Leopardi di per sé a interessare l’autore, ma i suoi tormenti (e fermenti) interiori, la sua spinta verso l’alto a dispetto degli impedimenti fisici, il rovello di un’anima che sa di dover vivere un quotidiano infelice pur sentendosi proiettata verso l’infinito.

Percorsi: Cinema
Locandina del film

E si sbaglierebbe ancora di più parlando di film storico. Raccontando di Mazzini o Garibaldi, inevitabilmente, si parlerebbe di risorgimento e di unità d’Italia. Raccontando di Leopardi, invece, è indispensabile astrarre dagli eventi dell’epoca e concentrarsi sui movimenti interiori non necessariamente influenzati da quanto accadde tra la fine del Settecento e la prima metà dell’Ottocento. L’ambizione di Martone è proprio quella di mettere in scena le vicende di un’anima tenendosi a distanza da quelle dell’epoca. Reduce dal buon risultato di «Noi credevamo», il regista napoletano ha ritenuto di proseguire sulla disamina ottocentesca nella convinzione che essa rappresenti un patrimonio culturale di enorme importanza.

Le vicende di Giacomo Leopardi hanno come scenario prima la natia Recanati, poi i soggiorni a Firenze, Roma e Napoli. Fortemente condizionato dalla personalità del padre Monaldo, che lo volle da subito dedito a studi classici con il supporto della ricchissima biblioteca di famiglia, il giovane avverte ben presto la necessità di distaccarsi dall’alveo familiare, che pure mai sconfesserà. Rafforzato nelle sue convinzioni dal letterato Pietro Giordani, riesce con fatica a guadagnare un’indipendenza intellettuale se non economica e, accompagnato dall’amico Antonio Ranieri, soggiorna a Firenze dove entra in familiarità con la benefattrice Fanny Targioni Tozzetti. Poi, dopo la parentesi romana che non gli porta altro che amarezze, approda a Napoli, dove l’esuberanza della popolazione mal si adatta alla sua interiorità. Infine, a Torre del Greco, assiste a un principio di eruzione del Vesuvio e compone «La ginestra», che in un certo senso contiene un presagio della morte imminente.

Martone evita accuratamente ogni espediente narrativo che possa accostare il suo lavoro a una qualunque fiction o a un biopic senza profondità. E bisogna dire che, almeno nella parte di Recanati, l’autore è riuscito a conseguire un risultato di eccellenza sia per quanto riguarda l’analisi delle dinamiche familiari che tanto influirono sulla crescita di Leopardi, sia per quanto riguarda la presentazione del personaggio come perennemente in conflitto con una parte di sé più che con il resto del mondo.

Martone ha saputo anche inserire la genesi di alcuni suoi componimenti (in particolare «L’infinito» e «La ginestra») presentandoli come libero fluire di pensieri piuttosto che parole scritte su un foglio di carta. Poi, però, al momento dei viaggi non è stato in grado di esercitare l’arte della sintesi, procedimento che di per sé gli appartiene poco, ed è caduto nella trappola del pleonasma e della ripetizione. Come se, allontanandosi dal paese natio, risultasse più difficile mantenere quello stile e quella capacità evocativa.

A ciò si aggiunga un uso assai eclettico del supporto musicale, che svaria da Gioacchino Rossini alla musica elettronica di Sasha Ring (più conosciuto come Apparat) a una canzone del canadese Doug Van Nort dal titolo «Outer», e che non sempre è dato di comprendere. Ma l’interpretazione di Elio Germano, sicuramente sottopostosi a un tour de force anche fisico, è di quelle che fanno dimenticare difetti non clamorosi. In questo senso «Il giovane favoloso» (come definì il poeta Anna Maria Ortese in occasione di una visita sulla sua tomba) è sicuramente un’opera rigorosa che potrebbe anche servire per avvicinare nuove generazioni in odor d’ignoranza a uno dei maggiori esponenti della letteratura dell’Ottocento, del Romanticismo e della poesia mondiale.
IL GIOVANE FAVOLOSO di Mario Martone. Con Elio Germano, Michele Riondino, Massimo Popolizio, Anna Mouglalis, Valerio Binasco, Isabella Ragonese. ITALIA 2014; Biografico; Colore

Il giovane favoloso
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento