Al cinema
stampa

Lo sciacallo

Lou Bloom (non Leo, che era il protagonista di «Ulysses» di James Joyce) è un personaggio paradigmatico. Da una parte è figlio di questi tempi, dove qualcuno può non avere niente da perdere parallelamente al fatto di non avere niente in cui credere. Dall’altra è un personaggio-ovunque che probabilmente c’è sempre stato e ha sempre attecchito.

Percorsi: Cinema
Locandina del film

«Lo sciacallo» di Dan Gilroy tenta la difficile strada di abbinare il thriller alla disamina sociale, umana e psicologica non tanto di un personaggio, quanto di una categoria, di un modo di essere, di uno stile di vita. Difficile perché è sempre presente il rischio di generalizzare, di banalizzare e di rendere la simbologia preponderante rispetto al realismo. Cioè, Gilroy avrebbe potuto privilegiare le situazioni da thriller confezionando un film di genere dalle regole facilmente decodificabili, oppure disinteressarsi dell’intreccio trasformando Bloom in un gelido simulacro.

Possiamo invece dire che «Lo sciacallo» mantiene un positivo equilibrio tra le due strade ottenendo un risultato non eccezionale, non originale, non devastante ma di un certo interesse, più nei contenuti che nella forma. E ci preme sottolineare che la maggior parte del merito va ascritta non al regista e sceneggiatore, ma al protagonista Jake Gyllenhaal: molto dimagrito, con gli occhi spalancati su un mondo che potrebbe essere il suo personale parco giochi, cinico e crudele, disposto a tutto pur di salire la scala sociale, del tutto insensibile a valori che non conosce o che potrebbero frapporsi tra lui e l’obiettivo da raggiungere, riempie la scena e lo schermo accompagnandoci verso una conclusione che, diversamente da ciò che sarebbe accaduto in passato, non è affatto morale o consolatoria.

Lou Bloom emerge dalla notte e si presenta come ladro di metalli o materiale elettrico. Presto, però, capisce di avere un altro talento e lo mette in pratica. Munitosi di una videocamera professionale, batte Los Angeles alla ricerca di avvenimenti cruenti da filmare e poi vendere a una rete televisiva. Di certo il materiale non gli manca, ma all’occorrenza si dimostra in grado di provocare quello che poi filmerà. E, una volta raggiunto il successo, non si fermerà davanti a niente: né all’occultamento di prove, né all’eliminazione di diretti concorrenti, né al provocato omicidio di un collaboratore scomodo. Siccome tutto questo fa sì che la sua posizione si rafforzi sempre più, la sua azienda non potrà che rafforzarsi ed espandersi.

E’ ovvio che un film come «Lo sciacallo» evoca precedenti famosi come «L’asso nella manica» di Billy Wilder, «Piombo rovente» di Alexander Mackendrick, «Quinto potere» di Sidney Lumet e persino «Re per una notte» di Martin Scorsese. Non si può neanche dire che Gilroy sia più coraggioso di chi lo ha preceduto: i tempi gli consentono qualunque surplus di cinismo e cattiveria. Il modo di usare il contenitore del thriller per parlare delle nuove frontiere dell’arrivismo, quindi dei nuovi yuppie, gli consente tuttavia di far passare il messaggio senza perdere di vista la tensione dell’intreccio. Il che porta automaticamente a far sì che lo spettatore, appassionato dal progredire dell’azione, possa anche non far caso a qualche schematismo (il rapporto con la giornalista televisiva) o a qualche situazione scarsamente credibile (il pedinamento degli assassini prima dell’intervento della polizia).

Difetti a parte, «Lo sciacallo» vale soprattutto per l’immagine molto chiara che riesce a dare del generale abbassamento dell’asticella dei valori e dei princìpi, di tutto ciò che si può sacrificare quando non se ne riconosca il valore, di quello che in alcuni casi viene impropriamente definito meritocrazia. E per un protagonista, Jake Gyllenhaal, che da solo si fa carico del film e da solo riesce a condurlo in porto. Bravissimo l’attore, molto inquietante tutto il resto. Soprattutto una Los Angeles notturna e semideserta meravigliosamente fotografata da Robert Elswit.
LO SCIACALLO (The Nightcrawler) di Dan Gilroy. Con Jake Gyllenhaal, Rene Russo, Riz Ahmed, Bill Paxton, Kevin Rahm. USA 2014; Thriller; Colore

Lo sciacallo
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento