Al cinema
stampa

Party Girl

L'idea dei francesi Marie Amachoukeli, Claire Burger e Samuel Théis nel realizzare «Party Girl» è stata quella di evitare ogni drammatizzazione artefatta, di non trasformare il tutto in una commedia provinciale, di circondarsi di amici e parenti più che di attori professionisti e, soprattutto, di andare controcorrente rispetto a una diffusa ricerca di buonismo che contraddistingue tanto cinema realista contemporaneo.

Percorsi: Cinema
La locandina del film

Ma siccome non sempre le intenzioni corrispondono al risultato, possiamo dire che soltanto un paio di propositi sono stati correttamente realizzati. Presentato a Cannes come film di apertura della sezione «Un certain regard», «Party Girl» parla di vocazioni, di abitudini, di tentativi di cambiamento, di umanità, di rapporti familiari, di tempo che passa e di speranze non realizzate.

Angélique è una sessantenne che vive in Lorena, al confine tra Francia e Belgio, e che nella vita ha sempre fatto l’intrattenitrice in un night-club. Strada facendo ha avuto quattro figli, due maschi e due femmine l’ultima delle quali affidata a un’altra famiglia. È ovvio che il trascorrere del tempo la porti a interrogarsi sul (poco o tanto) futuro che resta. Ed è apparentemente ovvio che Angélique prenda in considerazione l’offerta di Michel, camionista pensionato, suo cliente affezionato, che trova naturale chiederle di sposarlo.

Il matrimonio, naturalmente, comporta qualche difficoltà di percorso: dalla riunione dei figli al riprendere contatto con Cynthia, convinta di essere stata abbandonata, alla necessità di abbandonare un ambiente che per Angélique ha praticamente rappresentato casa per molti anni. Michel è gentile e paziente, ma Angélique è irrequieta e poco convinta. Arriverà alle definitive conclusioni dopo una prima notte di nozze non consumata: non è innamorata di Michel, non può pensare di condividere la sua esistenza con lui, le basta la gioia di aver visto i quattro figli riuniti intorno a lei, non resta che la «naturale» conclusione di lasciare la casetta e tornare al locale notturno che le è infinitamente più familiare.

Il film non si pone esattamente questioni morali. Innanzitutto, l’ambientazione in Lorena corrisponde già a un intento geografico che significa difficoltà di appartenenza e mancanza di radici. In secondo luogo Angélique non preferisce la vita notturna a un tranquillo ménage familiare: è semplicemente la vita che conosce, che ha sempre fatto e che, forse per assurdo, le dà maggiore sicurezza. Il che corrisponde, tra le righe, a una profonda diffidenza nei confronti di quella che viene genericamente definita normalità.

In parte la tematica del film è assimilabile a quella di «Gloria» del cileno Sebastian Lelio, uscito l’anno scorso. Ma dove «Gloria» lavorava sui sentimenti cercando continuamente la partecipazione dello spettatore, «Party Girl» lavora più sulle atmosfere cercando di eliminare gli accessori drammaturgici per arrivare a un risultato il più possibile realistico con strade vere, luci vere, case vere. Quel che risulta meno vero, purtroppo, sono i personaggi e i loro sentimenti. In questo senso la presenza nel cast di genitori, figli, amici e parenti non ottiene affatto l’effetto di coinvolgimento e verità che sarebbe stato ideale per il film. E torna alla memoria un film interamente familiare di Blake Edwards, «Così è la vita», con moglie, figli, amici e parenti degli amici, che raggiungeva proprio quel risultato di empatia e, perché no, commozione che lo rendeva sotto molti aspetti straordinario. Qui ricordiamo volentieri la straripante protagonista, Angélique Litzenburger, e la divertita complicità dei figli. Ma gli snodi drammatici del film hanno poco di spontaneo e «Party Girl» ci lascia con un’impressione di frettolosamente costruito che non giova al risultato.
PARTY GIRL (Id.) di Marie Amachoukeli, Claire Burger, Samuel Théis. Con Angélique Litzenburger, Joseph Bour, Mario Théis, Cynthia Litzenburger. FRANCIA 2014; Drammatico; Colore

Party Girl
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento