Commento al Vangelo
stampa

Messaggi stupendi sul regno di Dio

Domenica 14 giugno - XI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO. «È il più piccolo di tutti i semi, diventa più grande di tutte le piante»

Parole chiave: Vangelo (501)

Le parabole che Gesù racconta prendendo due esempi dal regno della natura ci consegnano due messaggi stupendi.

Il piccolissimo seme di senape e la sua crescita meravigliosa. Per richiamare l’attenzione sulla forza irresistibile del seme, che, una volta, gettato nella terra, cresce da solo, il lavoro del contadino è ridotto al minimo: «getta il seme sul terreno» e «manda la falce». Null’altro. Accurata, invece, la descrizione della  crescita: prima compare lo stelo verde e tenero, poi la spiga, e infine il chicco maturo nella spiga. Uno sviluppo che lascia stupefatti e incanta, pur richiedendo tempo e pazienza.

Ecco l’insegnamento: l’assimilazione del messaggio evangelico non è immediata; l’opera di trasformazione dell’uomo richiede giorni ed anni. Tuttavia, una volta che la Parola di Cristo è penetrata nel cuore, mette in atto un dinamismo inarrestabile. Chi accoglie la Parola, non rimane più lo stesso.

Messaggio stupendo per gli evangelizzatori: preti, consacrati, laici. Tutti questi, frequentemente,  se non ottengono subito qualche risultato concreto, si fanno prendere dallo scoraggiamento. La parabola insegna che la stagione e l’abbondanza del raccolto non dipende da loro, ma dal terreno in cui il seme è caduto.

Indispensabile, certamente,  l’autenticità dell’annuncio,  ma dopo è necessario saper attendere, propiziare il risultato con l’impegno fedele dell’intercessione, mantenere la calma,  contemplando  - se Dio vuole -  con stupore e gratitudine il seme che germoglia e cresce da solo.

Modello di predicatore del Vangelo è Paolo che ai cristiani di Corinto dichiara: «Io ho piantato, Apollo ha irrigato, ma è Dio che ha fatto crescere» (1 Cor 3,6).

La parabola interpella tutti - genitori, educatori, catechisti, responsabili della comunità cristiana - i quali talvolta  si lasciano prendere dall’impazienza e dalla fretta, con l’unico risultato di apparire aggressivi, intolleranti, pessimisti.

Anche la seconda parabola è tratta dall’esperienza della vita dei campi. Piccoli semi scompaiono sotto terra per rinascere poi  steli, arbusti e anche grandi alberi.  Un stupefacente contrasto fra la piccolezza degli inizi e la grandezza dei risultati, che Gesù intende mettere in risalto con la parabola del  «granello di senape», che, secondo l’opinione popolare, era il più piccolo di tutti i semi. La meraviglia è che da un chicco così piccolo che quasi non lo vedi, germogli e cresca, in una sola stagione, un arbusto che anche oggi, lungo le rive del lago di Galilea,  può raggiungere i tre metri di altezza.

La parabola non intendeva  far  profezie sui futuri trionfi della Chiesa, ma essere un invito a considerare le cose con gli occhi di Dio. Gli uomini danno valore  a ciò che si presenta grande, a ciò che appare, e giudicano i fallimenti ed i successi in base al prestigio, alla notorietà, ai titoli onorifici, ai guadagni. Gesù ha capovolto la scala dei valori: «Chiunque diverrà piccolo, sarà il più grande nel regno dei cieli» (Mt 18,4).

La parabola infonde gioia e ottimismo: Un giorno appariranno a tutti le meraviglie operate da Dio attraverso chi si è fatto umile e servo di tutti. Basta guardare il suo Figlio.

Il brano si chiude con una annotazione dell’evangelista: Gesù  «in privato, ai suoi discepoli spiegava ogni cosa». Occorre riflessione, silenzio, preghiera, un clima spirituale adatto se si vuole accogliere, dallo Spirito, la luce necessaria per assimilare e tradurre il messaggio di queste parabole in scelte di vita.

*Cardinale

Messaggi stupendi sul regno di Dio
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento