La parola del Papa
stampa

Beni ecclesiastici: amministrarli con oculatezza e trasparenza

Domenica 9 marzo è stato reso noto il messaggio che Papa Francesco ha indirizzato al cardinale João Braz de Aviz, prefetto della Congregazione per gli istituti di vita consacrata e le società di vita apostolica, in occasione del simposio internazionale sulla gestione dei beni ecclesiastici. Gli istituti di via consacrata e le società di vita apostolica - scrive il Papa - possono e devono essere soggetti protagonisti e attivi nel vivere e testimoniare che il principio di gratuità e la logica del dono trovano il loro posto nell’attività economica.

Percorsi: Papa Francesco

Il carisma fondazionale di ciascun istituto è iscritto a pieno titolo in questa logica: nell’essere-dono, i consacrati danno il loro contributo allo sviluppo economico, sociale e politico. La fedeltà al carisma fondazionale e al conseguente patrimonio spirituale, insieme alle finalità proprie di ciascun istituto, rimangono il primo criterio di valutazione dell’amministrazione, della gestione e di tutti gli interventi compiuti negli istituti, a qualsiasi livello. Occorre vigilare attentamente - continua il messaggio pontificio - affinché i beni degli istituti siano amministrati con oculatezza e trasparenza, siano tutelati e preservati, coniugando la prioritaria dimensione carismatico-spirituale, alla dimensione economica e all’efficienza, che ha il proprio «humus» nella tradizione amministrativa degli istituti che non tollera sprechi ed è attenta al buon utilizzo delle risorse. Papa Francesco ha poi ricordato che Paolo VI, già nel 1970, ravvisava la necessità che, dentro e fuori la Chiesa, si avvertisse il desiderio, quasi il bisogno, di vedere la povertà del Vangelo e di volerla ravvisare maggiormente là dove il Vangelo è predicato e rappresentato. Ho voluto richiamare tale bisogno - continua il Pontefice - anche nel Messaggio per la Quaresima di quest’anno.

Gli istituti di vita consacrata e le società di vita apostolica sono stati sempre voce profetica e testimonianza vivace della novità che è Cristo, della conformazione a Colui che si è fatto povero arricchendoci della sua povertà. Questa povertà amorosa è solidarietà, condivisione e carità e si esprime nella sobrietà, nella ricerca della giustizia e nella gioia dell’essenziale, per mettere in guardia dagli idoli materiali che offuscano il senso autentico della vita. Non serve una povertà teorica - conclude Papa Francesco - ma la povertà che si impara toccando la carne di Cristo povero, negli umili, negli ammalati, nei bambini.

Beni ecclesiastici: amministrarli con oculatezza e trasparenza
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento