La parola del Papa
stampa

Gli idoli che confondono la mente e il cuore

Mercoledì 11 gennaio Papa Francesco, all’udienza generale, ha svolto alcune considerazioni sul Salmo 115. Si tratta - ha detto il Papa - di un Salmo pieno di sapienza che dipinge in modo molto suggestivo la falsità degli idoli che il mondo offre alla nostra speranza e a cui gli uomini di ogni tempo sono tentati di affidarsi.

Percorsi: Papa Francesco

Il Salmo 115 così recita: «I loro idoli sono argento e oro / opera delle mani dell’uomo. / Hanno bocca e non parlano, / hanno occhi e non vedono, / hanno orecchi e non odono, / hanno narici e non odorano. / Le loro mani non palpano, / i loro piedi non camminano; / dallo loro gola non escono suoni! / Diventi come loro chi li fabbrica / e chiunque in essi confida!» (vv.4-5). Il salmista ci presenta, in modo anche un po’ ironico, la realtà assolutamente effimera di questi idoli. E dobbiamo capire che non si tratta solo di raffigurazioni fatte di metallo o di altro materiale, ma anche di quelle costruite con la nostra mente, quando ci fidiamo di realtà limitate che trasformiamo in assolute, o quando riduciamo Dio ai nostri schemi e alle nostre idee di divinità; un dio che ci assomiglia, comprensibile, prevedibile, proprio come gli idoli di cui parla il Salmo.

L’uomo, immagine di Dio, si fabbrica un dio a sua propria immagine, ed è anche un immagine mal riuscita: non sente, non agisce, e soprattutto non può parlare. Ma, noi siamo più contenti di andare dagli idoli che andare dal Signore. Siamo tante volte più contenti della labile speranza che ti dà questo falso idolo, che la vera speranza che ci dà il Signore. Alla speranza in un Signore della vita che con la sua Parola ha creato il mondo e conduce le nostre esistenze, si contrappone la fiducia in simulacri muti. Le ideologie con la loro pretesa di assoluto, le ricchezze, il potere e il successo, la vanità, con la loro illusione di eternità e di onnipotenza, valori come la bellezza fisica e la salute, quando diventano idoli a cui sacrificare ogni cosa, sono tutte realtà che confondono la mente e il cuore, e invece di favorire la vita portano alla morte. Il messaggio del Salmo 115 è molto chiaro: se si ripone la speranza negli idoli, si diventa come loro: immagini vuote con mani che non toccano, piedi che non camminano, bocche che non possono parlare. Non si ha più nulla da dire, si diviene incapaci di aiutare, di cambiare, di donarsi, di amare. Come prosegue il Salmo, bisogna confidare e sperare in Dio, e Dio donerà la sua benedizione: «Voi che temete il Signore, confidate nel Signore…/ Il Signore si ricorda di noi, ci benedice».

Gli idoli che confondono la mente e il cuore
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento