La parola del Papa
stampa

La via della speranza

Mercoledì 25 gennaio Papa Francesco, all’udienza generale, ha parlato di una grande eroina del popolo d’Israele: Giuditta.

Percorsi: Papa Francesco

Il Libro biblico che porta il suo nome narra che l’esercito di Nabucodonosor, guidato da generale Oloferne, assedia la città di Betulia, nella Giudea, rendendo drammatica la situazione, al punto che gli abitanti di Betulia si rivolgono agli anziani chiedendo di arrendersi ai nemici. La fine sembra ineluttabile, la capacità di fidarsi di Dio si è esaurita. Davanti a tanta disperazione, il capo del popolo tenda di proporre un appiglio di speranza: resistere ancora cinque giorni, aspettando l’intervento di Dio. Cinque giorni vengono concessi a Dio - e qui è il peccato - per intervenire, cinque giorni di attesa.

È in tale circostanza che compare sulla scena Giuditta. Vedova, donna di grande bellezza e saggezza, ella parla al popolo con il linguaggio della fede: «Voi volete mettere alla prova il Signore onnipotente… No, fratelli, non provocate l’ira del Signore nostro Dio… Perciò attendiamo fiduciosi la salvezza che viene da Lui, supplichiamolo che venga in nostro aiuto e ascolterà il nostro grido» (Gdt 8, 13. 14.17).
Con la forza di un profeta Giuditta richiama gli uomini del suo popolo per riportarli alla fiducia in Dio; con lo sguardo di fede, ella vede al di là dello stretto orizzonte proposto dai capi e che la paura rende ancora più limitato. Conosciamo, poi, come è finita la storia: Dio salva. Non mettiamo mai condizioni a Dio e lasciamo invece che la speranza vinca i nostri timori.

Fidarsi di Dio vuol dire entrare nei suoi disegni senza nulla pretendere, anche accettando che la sua salvezza e il suo aiuto giungano in modo diverso dalle nostre aspettative. Non siamo noi che possiamo insegnare a Dio quello che deve fare, ciò di cui abbiamo bisogno. Il cammino che Giuditta ci indica è quello della fiducia, dell’attesa della pace, della preghiera e dell’obbedienza. È il cammino della speranza. Senza facili rassegnazioni, facendo tutto quanto è nelle nostre possibilità, ma sempre rimanendo nel solco della volontà del Signore; perché Giuditta ha pregato, ha esortato e poi, energica, ha cercato di avvicinarsi a Oloferne, ed è riuscita a decapitarlo. Giuditta ha un suo piano, lo attua con successo e porta il popolo alla vittoria, ma sempre nell’atteggiamento di fede di chi tutto accetta dalla mano di Dio, sicura della sua bontà. Cosi Giuditta ridà forza al suo popolo in percolo mortale e lo conduce sulle vie della speranza, indicandole anche a noi.

La via della speranza
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento