Lettere al Direttore
stampa

Perché quella critica a Kiko Arguello?

Ancora a proposito della manifestazione del 20 giugno in piazza San Giovanni a Roma. In cosa avrebbe sbagliato Kiko Arguello - chiede un lettore - se è proprio il Papa ad invitarci alla paressia (cioè, al parlar chiaro)?

La manifestazione del 20 giugno 2015 a Roma (Foto Sir)

Caro direttore, a pagina 10 del penultimo numero, rispondendo a una lettera, lei si esprime così: «Male ha fatto Kiko Arguello (...) tentando di mettere lo zucchetto del papa in contrapposizione alla Cei, ecc.». Quindi male ha fatto Kiko a esprimere una considerazione personale, parlando liberamente su possibili diversità di valutazione nella Chisa su come agire contro l’ideologia gender. Ricordo poi che «Avvenire» del 21 giugno ha definito Kiko presuntuoso e pretestuoso accusandolo di seminare zizzania nella Chiesa. Vorrei chiederle allora come interpretare correttamente le parole di papa Francesco su un adeguato atteggiamento di sinodalità nella Chiesa, secondo lei valgono solo per i padri sinodali o andrebbero estese anche alla capacità di accogliere posizioni diverse nel dialogo intraecclesiale.

Papa Francesco ha sintetizzato i due atteggiamenti per la riuscita del Sinodo, parlare con «parresia» e ascoltare con umiltà, dopo aver chiesto attenzione per la voce delle chiese locali e di portare questa voce all’interno del Sinodo.

«È una grande responsabilità – ha detto – portare le problematiche delle chiese locali, per camminare in quella via che è il Vangelo della famiglia». «Una condizione di base – ha detto in un ulteriore passaggio – è questa: parlare chiaro, nessuno dica “questo non si può” dire così o così, bisogna dire tutto ciò che si sente con parresia».
«Solo parlando liberamente si ha sinodalità». «Dopo l’ultimo concistoro, a febbraio 2014 nel quale si è parlato di famiglia – ha raccontato Papa Francesco – un cardinale mi ha detto “peccato che alcuni cardinali non hanno avuto il coraggio di dire alcune cose, per timore del Papa, per paura che il Papa pensasse diversamente”. Questo – ha affermato il Pontefice – non va bene, questo non è sinodalità, bisogna dire tutto quello che si sente, e al tempo stesso si deve ascoltare e accogliere con cuore aperto quello che dicono i fratelli, con questi due atteggiamenti si esercita la sinodalità».

«Parlare con parresia e ascoltare con umiltà – ha concluso – vi chiedo questi atteggiamenti», e di viverli con pace «perché il Sinodo si svolge sempre “cum Petro e sub Petro” e la presenza del Papa è garanzia per tutti, collaboriamo perché si affermi con chiarezza la dinamica della sinodalità». Sperando vivamente in una sua risposta chiarificatrice.

Alessandro Pacini

Caro Pacini, le rispondo più che volentieri, ma non so cosa dovrei chiarire. Confermo che a mio giudizio Kiko Arguello ha fatto male a tentare di mettere non solo un cappello bensì uno zucchetto bianco su una manifestazione che una volta tanto era promossa da laici, teoricamente senza etichette. Kiko Arguello invece ce le ha volute mettere e ha voluto tirarci dentro il Papa in contrapposizione ai vescovi italiani o quantomeno ad alcuni di loro.

Le confesso che questo tirare Francesco da tutte le parti non mi piace per niente. Per di più tutti si stanno erigendo ad esegeti di un Papa che non ha certo bisogno di interpreti. Siamo arrivati al punto che persino un laico di lunga tradizione come Eugenio Scalfari si senta autorizzato a spiegare chi è Bergoglio e come si devono interpretare le sue parole e i suo gesti. Papa Francesco, ripeto, non ha bisogno di traduttori. Per cui, caro Pacini, non mi chieda di interpretare le parole del Papa perché, tra le tante presunzioni, questa almeno non ce l’ho. Aggiungo solo che tutto questo non c’entra niente con la netta opposizione all’ideologia gender sulla quale siamo tutti d’accordo. Almeno spero.

Andrea Fagioli

Perché quella critica a Kiko Arguello?
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento