Lettere al Direttore
stampa

Sono realmente «d’oro» alcune pensioni?

Se un lavoratore ha versato regolari contributi, perché poi deve vedersi decurtare la pensione? Questa la domanda che ci pone un lettore.

Percorsi: Lavoro

Caro direttore, ti scrivo per una riflessione sulle pensioni d’oro. L’argomento è di solito trattato dai media con superficialità e non solo da loro, vedi posizione assunta da Yoram Gutgeld. Di ogni erba si fa un fascio: è vero che vi sono casi clamorosi ma è anche vero che vi sono tanti pensionati che hanno una posizione Inps sulla quale sono stati versati contributi rilevanti, e di importo tale,  la cui disponibilità investita oggi  in titoli di stato garantirebbe loro rendite superiori all’assegno mensile che  ricevono. Sono pensioni che per lo più  fanno riferimento a soggetti che sono stati percettori di reddito fisso e che hanno sempre pagato durante il periodo lavorativo tributi elevati e che li pagano tuttora senza godere di agevolazioni in campo sanitario. È opportuno rilevare che le capacità di acquisto iniziali del cd pensionato d’oro si sono poi ridotte nel tempo per effetto della svalutazione e per il  fatto che le conseguenti rivalutazioni sono state poche e di importo modesto.

Ciò premesso non si può essere contrari all’aumento di aliquote destinate a combattere la povertà. Osservo però che non possono essere colpiti solo i pensionati ma semmai tutti coloro che hanno un reddito superiore ai 90.000 euro annui. Il nostro sistema fiscale deve essere una grande espressione di solidarietà e non una fonte continua di ingiustizie. E non mi riferisco solo alla dilagante evasione ma anche a quel sistema che consente di eludere la tassazione progressiva.

Faccio un esempio banale: un pensionato con un modesto assegno mensile, ma che è detentore di buone disponibilità finanziare che fruttano rendite con ritenuta fiscale alla fonte a titolo di imposta, può disporre annualmente di introiti superiori a quelli riconosciuti ai detti pensionati d’oro. Si potrebbe proseguire elencando tante altre situazioni particolari. I sacrifici si possono richiedere, anzi vanno richiesti  per combattere la povertà e le diseguaglianze, ma con equità, non colpendo nel particolare quelle categorie che non hanno più capacità e forza contrattuale perché in questo caso si viene a compiere non solo un atto ingiusto ma anche poco coraggioso.

Un pensionato indignato

Pubblichiamo questa lettera senza firma, perché ci è stato chiesto di ometterla, ma non si tratta di una lettera anonima: l’autore è a noi noto. Precisato questo, ritengo non ci sia niente da dire sui diritti acquisiti da parte di chi nella vita lavorativa ha pagato tributi elevati e per di più lo ha fatto da dipendente con reddito fisso. Da dire c’è semmai su chi questi diritti li acquisisce con pochi tributi: penso ad esempio ai parlamentari, che pagano un’inezia rispetto a quello che poi percepiranno con la pensione. Ma non sono i soli. In questo senso ho l’impressione che siano ancora troppe le pensioni da diverse migliaia di euro al mese che non hanno alcun nesso economico con i versamenti effettuati, anche se questo non giustifica che tutte le volte che c’è da intervenire sui conti pubblici si finisca per toccare le pensioni. Che in Italia quindi ci sia bisogno di equità è fuori discussione, così come non c’è dubbio che l’evasione fiscale sia uno dei nostri mali maggiori, non solo da un punto di vista etico, ma anche economico.

Andrea Fagioli

Sono realmente «d’oro» alcune pensioni?
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Avatar
Franco Masini 01/08/2014 17:42
"...pensioni uguali per tutti"
"…sono anni che dalle pagine dei giornali vado proponendo un suggerimento atto a sanare l’annoso problema della pensione. Pensioni pari a quanto versato durante la vita lavorativa del soggetto e ad una quota parte dell'ultimo stipendio percepito. L'idea è che attualmente lo Stato, anche se attraverso la concessionaria INPS, si sta comportando come una società di assicurazioni, ramo vita. E non è giusto. Per il governo infatti i cittadini sono tutti uguali ed hanno le stesse esigenze.
La conferma? Da un fatto realmente accaduto. Un amico comune che vive a Milano è stato convocato in patria da un ufficio del suo governo (Olandese) a firmare per ricevere la pensione. Lui non sapeva nemmeno di averne diritto. Stava già bene e non ci pensava nemmeno e così si è ritrovati 1400 euro al mese senza aver fatto niente. In Svizzera la stessa cosa. Un riccone riceve la stessa pensione di un poveraccio (1200 Euro mese) e se per lui, il riccone, sono pochi, per il poveraccio invece sono tanti. Il concetto è che per il solo fatto di essere tutti e due cittadini di quel paese godono dello stesso trattamento pensionistico. La pensione dunque è un diritto e non deve umiliare nessuno. Olanda e Svizzera (per ora) lo fanno. Questi paesi tolgono, senza tanti strombazzamenti, una piccola tassa dallo stipendio del lavoratore per formare un cumulo di ricchezza dalla quale poi, una volta raggiunti i limiti di età pensionabile, viene distribuito l'importo pensionistico in quantità uguale. Se la cosa vi potrà fare orrore lo è di più il concetto che il povero debba fornire la copertura alle alte pensioni dei ricchi e non viceversa. Questa si chiama civiltà!" Franco

Totale 1 commenti

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento