Onda lunga
stampa

I «Dieci comandamenti» tradotti oggi

Il lunedì, in seconda serata, su RAITRE, Domenico Iannacone ricorre alla cronaca quotidiana per raccontare l’essenza dei principi etico-religiosi alla base della nostra civiltà.

Percorsi: Tv
Domenico Iannacone

Ignoro se Domenico Iannacone ha fede. In realtà mi importa poco visto come conduce questo programma (seconda serata, RaiTre, lunedì) che prende il titolo da uno dei fondamenti della nostra fede e racconta I dieci comandamenti.

Un cronista bravo, dotato non solo di tablet ma anche di scarpe, si cimenta in una idea non proprio originale: con un taglio laico e ricorrendo alla cronaca quotidiana, tradurre l’essenza dei (conosciuti?) principi etico-religiosi che stanno alla base della nostra civiltà.

Il «ricordati di santificare le feste» di lunedì scorso ha raccontato storie che sconcertano. Due, per puntata, gli scenari in cui Domenico si muove con una sensibilità in teoria stupefacente se riferita a un giornalista. Il mestiere cinico per eccellenza (però il grande Kapuscinski scrisse assai, sul fatto che questo «Non è un mestiere per cinici»), si trasforma in partecipazione quando il cronista, in una notte tempestosa, si rimbocca le maniche per aiutare i volontari che, sotto una tenda zeppa d’acqua gelata, danno un piatto caldo a centinaia di neri costretti, nella piana di Gioia Tauro, in condizioni non umane.
Come fanno, quei neri, a ricordarsi la santificazione delle feste? E che vuol dire «santificare» il giorno del Signore in quello stato sub-umano che abbiamo visto descritto lunedì? Dove si è fermato il «Signore» che noi credenti siamo chiamati ad ascoltare? Chi lo rappresenta?

In quello spaccato di Rosarno, in attesa che smetta di diluviare per poter cogliere le arance (per guadagnare 20 euro al giorno, ogni nero di arance ne deve tirare giù almeno 4 quintali), la rappresentanza di Dio è affidata a un gruppo di volontari. Gente comune, fra carità cristiana e solidarietà umana, che prima dell’alba, tutte le mattine, va nelle tende per scaldare una tazza di latte, regalare un sorriso, un mantello contro l’acqua, un maglione contro il freddo.

Tv significa immagini. Difficile scordare il volto di «Alì»: senegalese dagli occhi buoni. Aveva lavorato: raccolto arance come un ... nero. Ma, piccolo dettaglio, chi doveva pagarlo non lo ha fatto. Era arrivato da Milano con tanta speranza. Ora si sente umiliato e, sconfitto, rientra al Nord.

Il viaggio verso la stazione di uno dei tanti «Alì», occhi bassi e dignità ferita, accompagnato nella sua macchina da una donna – commerciante che ogni alba passa sotto le tende dei neri a portare un po’ di «festa» – è un viaggio che non si scorda. Così come non ci si può dimenticare Bartolo.

Commerciante pure lui. Di tasca sua ha comprato cinque pullman, ridotti a tre: due glieli hanno bruciati. In contatto con Caritas, Bartolo riempie i pullman fino all’inverosimile con esseri umani («Ce ne sono centinaia. Nessuno sa quanti. Sono i nostri invisibili») portati dal sudicio di casali abbandonati al centro di accoglienza. Per fare rifornimento: pastasciutta calda, calzini, giaccone ...

Iannacone è strizzato sul pullman, accanto a Bartolo che guida. Manca l’aria. Un nero si sente male e chiede di scendere. Alla fermata, sotto un diluvio di grandine, ne vorrebbero salire altri trenta. Ma non c’è posto. I volti di Bartolo e Domenico si affiancano: il cronista cerca di spannare i vetri per dare modo all’autista di vedere meglio una strada fangosa.

«Ma chi te lo fa fare?», chiede lo spannatore. «Gesù. Me lo fa fare Gesù», risponde l’autista. E quasi piange davanti a un altro gruppo di disperati che vorrebbero salire ma non possono: il posto manca. Viene in mente la disperazione di Oskar Schindler quando conta gli ebrei in più che avrebbe potuto salvare.

Tra i volti, anche quello di un coltivatore onesto. Per folli leggi di un mercato folle è costretto a vendere le arance a 6 cent. Meglio abbattere le piante, conclude in lacrime. La tristezza che prende vedendo la motosega tagliare alberi ... «improduttivi» merita, da sola, la puntata.

Indimenticabili, nella seconda storia, altri due volti: un Teresio vestito di nero da capo a piedi e un prete (meno male lefrebiano, non cattolico) «don» Giulio Maria che benedice al ritmo di Eia Eia Alalà. Intuibilmente uomo di sinistra, Domenico si è sciroppato una domenica a Predappio. Il 28 ottobre: 90 anni prima, Benito marciò su Roma e ora qualche decina di duri e puri, qualcuno pure da Firenze, stanno lì per «una giornata fascista». Cantano «Giovinezza, giovinezza». Santificano la loro festa al ritmo di «Dio, Patria e Famiglia» (tutto in maiuscolo, ovvio).

Lunedì prossimo Non dire falsa testimonianza. Sul profilo Facebook 1.361 «mi piace». Compreso il mio.

I «Dieci comandamenti» tradotti oggi
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento