Toscana
stampa

Ammortizzatori sociali: in attesa del Governo ecco le misure della Regione

In Toscana resteranno transitoriamente invariate, fino alla conclusione dell'iter del decreto del governo sui nuovi criteri, le modalità di accesso e di durata delle domande di ammortizzatori sociali in deroga

Percorsi: Crisi - Lavoro - Regione - Toscana
Parole chiave: ammortizzatori sociali (8)

E' quanto prevede, pur in un quadro di forte incertezza sulle risorse finanziarie disponibili e sui nuovi criteri, una circolare della Regione Toscana adottata di concerto con le organizzazioni datoriali e sindacali. Lo rende noto l'assessore al lavoro Gianfranco Simoncini, ricordando che le misure adottate applicano quanto previsto dal ministero del lavoro e delle politiche sociali in relazione alla possibilità che le Regioni, in attesa dell'entrata in vigore dei nuovi criteri, possano provvedere alla concessione di ammortizzatori in deroga, per periodi non superiori a sei mesi e comunque nel limite delle risorse disponibili.

«Una decisione che abbiamo preso per evitare una situazione di incertezza che si sta registrando in queste settimane e per andare incontro alle esigenze di tanti lavoratori in difficoltà nella nostra regione - sottolinea l'assessore - Non si può però nascondere le nostre preoccupazioni sia riguardo alle dotazioni finanziarie che riguardo a una riforma degli ammortizzatori necessaria, ma che deve andare verso una copertura universalistica dei lavoratori e non verso un ulteriore differenza nelle tutele. In ogni caso, in attesa di un nuovo quadro di riferimento che disciplini in modo uniforme i criteri di concessione su tutto il territorio nazionale, bisogna garantire l'erogazione del trattamento a tutti i lavoratori che abbiano maturato un diritto soggettivo, senza che sia condizionato dal limite delle risorse assegnate alle regioni. Ci auguriamo che negli ulteriori passaggi si possa evitare il rischio di colpire le fasce più deboli e in particolare i precari e i giovani, così come gli apprendisti e i lavoratori in somministrazione che per la prima volta avevano ricevuto tutela».

La preoccupazione dell'assessore riguarda nello specifico le risorse messe a disposizione dal governo per chiudere il 2013. «Risorse a oggi insufficienti alla copertura di tutte le richieste pervenute - richiama l'assessore - tanto che le autorizzazioni relative a mensilità prive di copertura restano sospese in attesa di nuove risorse».

A questo proposito Simoncini, anche in veste di coordinatore delle Regioni in materia, ha più volte sollecitato il governo per una copertura integrale del fabbisogno del 2013. In occasione del parere consegnato in sede di Conferenza Stato-Regioni, tra l'altro, i governi regionali hanno preannunciato l'intenzione di rimettere le funzioni fino a oggi esercitate, vale a dire la gestione per conto dello Stato delle autorizzazioni per Cassa Integrazione e mobilità in deroga.

Per quanto riguarda il 2013 la Toscana, sulla base degli stanziamenti finora ricevuti dal governo, ha autorizzato la trasmissione all'Inps di circa 12.300 richieste di Cig e di mobilità che hanno interessato quasi 29.200 lavoratori. Restano però prive di copertura più di 7.200 richieste per altri 19.450 lavoratori: in pratica sono giacenti tutte le domande pervenute dal primo luglio a oggi.

Per quanto riguarda le domande 2014, la procedura telematica per l'invio è già stata aggiornata. E' già possibile inviare le richieste relative al primo trimestre 2014. Gli uffici regionali potranno però provvedere al rilascio delle autorizzazioni solo quando il governo avrà emanato i decreti di assegnazione delle risorse.

Fonte: Comunicato stampa
Ammortizzatori sociali: in attesa del Governo ecco le misure della Regione
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento