Toscana
stampa

«Arriviamo al cuore di tutti», al via un progetto di teleconsulto per la cardiologia pediatrica

La prima sede è stata l'ospedale di Portoferraio, all'isola d'Elba, dove il 14 marzo scorso è stata inaugurata una postazione per il teleconsulto nell'ambito della cardiologia pediatrica. Ora il progetto si estende ad altri centri della Toscana, fino a coinvolgere 10 postazioni.

Percorsi: Sanità - Toscana

E' il progetto "Arriviamo al cuore di tutti", rete toscana di telemedicina nella diagnosi e cura delle malformazioni cardiache, varato in collaborazione tra Regione Toscana, Fondazione Toscana Gabriele Monasterio e Lions Club - distretto Toscana (che finanzia le 10 postazioni di teleconsulto). Stamani l'assessore al diritto alla salute Luigi Marroni, assieme al direttore della Fondazione Monasterio Luciano Ciucci e al governatore regionale dei Lions Club - distretto Toscana Gianluca Rocchi, l'ha illustrato nel corso di una conferenza stampa.

Da alcuni anni la Fondazione Monasterio ha sperimentato un sistema di teleconsulto nell'ambito della cardiologia pediatrica con vari Paesi dell'area balcanica (ex Jugoslavia, Romania, ecc.). Il sistema funziona regolarmente e consente il supporto ai clinici locali da parte degli specialisti della Fondazione per la diagnosi precoce delle cardiopatie in età neonatale e pediatrica, ma anche in età fetale, nonché per il relativo follow up. Il sistema adottato, in collaborazione con il CNR, è stato utilizzato anche nell'ambito di progetti finanziati dall'UE.

Si è dunque pensato a replicare il sistema nell'ambito della Regione Toscana. Questo è oggi possibile grazie ai Lions Club – Distretto Toscana, che finanziano 10 postazioni di teleconsulto in vari centri toscani. Recentemente (il 14 marzo) è stata inaugurata la postazione di Portoferraio, che ha dato avvio operativo al progetto; si prevede che a breve ne vengano installate altre tra cui: Valdarno, Arezzo, Garfagnana, Lucca, Siena.

L'intenzione dei partecipanti al progetto è quella di realizzare una rete toscana di teleconsulto, che consenta una diagnosi precoce di patologie per le quali talvolta il fattore tempo è un fattore altamente critico ed assicuri che il piccolo paziente venga trasferito quanto prima - se necessario - nel centro più idoneo per il trattamento della cardiopatia, grazie al sistema regionale dei trasporti in emergenza; una rete che consente, inoltre, un migliore scambio informativo ed una crescita diffusa delle competenze cliniche in ambito pediatrico ed evita il trasferimento dei pazienti cosiddetti "falsi positivi" con una riduzione di inutili disagi per le famiglie coinvolte.

Oggi la rete di teleconsulto prende avvio per la diagnosi di cardiopatie in età neonatale e pediatrica, ma è sicuramente possibile nel prossimo futuro utilizzarla anche per l'ecocardiografia fetale o ancora per il follow up di pazienti già sottoposti ad intervento di cardiochirurgia pediatrica; in questo modo verrebbe garantito un servizio molto più completo alle varie aree della regione, con evidenti ricadute positive in termini di riduzione dei costi del sistema sanitario per l'effettuazione di prestazioni ambulatoriali e riduzione del disagio e dei costi per le famiglie di pazienti cardiopatici, con una riduzione importante dei trasferimenti per la valutazione dei bambini.

Fonte: Comunicato stampa
«Arriviamo al cuore di tutti», al via un progetto di teleconsulto per la cardiologia pediatrica
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento