Toscana
stampa

Cattolici protagonisti: Bruni, oggi l'economia protegge le rendite e scoraggia il lavoro

«Un patto sociale per cui ogni cinque anni chi lavora può fare un semestre sabbatico per studiare»: è la proposta dell’economista Luigino Bruni, che stamani ha tenuto la relazione principale alla Settimana Sociale dei Cattolici toscani, alla ex Breda di Pistoia. Secondo Bruni, «Si può studiare la storia dell’arte, la musica, un viaggio.... Poi magari si va in pensione più tardi, ma più colti e meno sfiniti».

Parole chiave: cattolici protagonisti (25), Luigino Bruni (2)

Bruni ha parlato della crisi economica e della mancanza di lavoro: “Un tema fondamentale della crisi – ha detto - è quello delle rendite a scapito dei profitti. Il profitto è molto meglio delle rendite: la rendita è un vivere su ricchezze prodotte in passato. Se un popolo, un’economia ha smesso di produrre profitti e vive sulla rendita si va verso il declino. Gli imprenditori si trasformano in speculatori, le elites diventano caste che difendono i privilegi acquisiti. In Italia si tassa al 43% il lavoro e al 20 la rendita finanziaria: queste non sono leggi di natura ma questioni di potere. Stiamo disegnando un mondo che protegge le rendite e scoraggia i flussi. Se non capiamo questo spostamento di baricentro dal mondo di lavoro, dalla fabbrica, alla rendita, non capiamo la crisi”.

Rivolgendosi al mondo cattolico, Bruni ha invitato a favorire la conoscenza dei temi economici: “oggi conta tantissimo l’economia nelle scelte pubbliche. Servirebbero scuole popolari di economia e finanza nelle parrocchie, come quelle di don Milani. Studiare insieme per essere più liberi”.

Tra le proposte, anche quella e far nascere “luoghi di gioco buono di fronte all’invasione di giochi sbagliati e cattivi, che rovinano le famiglie, come slot machines e scommesse”.

Cattolici protagonisti: Bruni, oggi l'economia protegge le rendite e scoraggia il lavoro
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento