Toscana
stampa

Cerza (Cisl): «In Toscana non ci sono più soldi, bisogna attirare investitori da fuori»

«In Toscana non ci sono più soldi, perché non c’è più un credito toscano. Se vogliamo uscire dalla crisi e ripartire dobbiamo rendere attrattivo il territorio e portare qui investimenti dall’esterno». Lo ha detto il Segretario generale della Cisl Toscana, Riccardo Cerza, nella relazione che ha aperto stamani i lavori del Consiglio generale regionale, il «parlamentino» della Cisl di cui fanno parte i rappresentanti di tutte le categorie e i territorio della Toscana, ed a cui ha preso parte anche il Segretario generale nazionale Cisl Annamaria Furlan.

Percorsi: Cisl - Crisi - Lavoro - Sindacati - Toscana
Parole chiave: riccardo cerza (8)

«Oggi voglio essere ottimista – ha detto Cerza - e vedere il bicchiere mezzo pieno: il 2015 si apre con un rallentamento di tutti gli indicatori di fragilità economica che ci fa sperare che sia l’inizio dall’uscita della crisi. Per invertire la rotta però bisogna rimboccarsi tutti le maniche e reimpostare un modello economico e sociale diverso da quello di questi ultimi anni. Partendo da una consapevolezza: dobbiamo essere sempre più una terra che accoglie nuovi investimenti dall’esterno perché, ahimè, in Toscana sono finiti i soldi, perché abbiamo perso le banche del territorio e i risparmi che vengono raccolti qui vanno fuori».
«Se vogliamo ripartire – ha proseguito il Segretario Cisl - dobbiamo far arrivare gli investitori internazionali e le multinazionali, visto che per fortuna la Toscana ha anche un nome che attrae. Ma per riuscirci bisogna ridurre la burocrazia, semplificare, rendere disponibili aree industriali a basso costo e alzare la produttività nel territorio: è compito di tutti, a cominciare dalle istituzioni, ma anche nostro e quindi come sindacato ci mettiamo in gioco. La Cisl è pronta a fare la sua parte. L’esempio è l’accordo per l’area di Piombino, dove il raggiungimento di queste condizioni ha fatto arrivare un investitore algerino, dando speranze e futuro a migliaia di persone».
«In questa logica – ha aggiunto Cerza - ritengo che il riordino delle funzioni delle province possa fornire l’occasione per riqualificare i servizi, evitare inutili sovrapposizioni e burocratizzazioni, salvaguardando i lavoratori». A questo proposito Cerza ha parlato anche della nuova Città metropolitana fiorentina la cui «forza trainante» ha detto «deve essere messa a disposizione di tutta la Toscana e non ripiegarsi a tutelare il ruolo egemone di Firenze, con i suoi piccoli interessi. Ma il discorso va anche ribaltato: se non la finiamo con gli interessi di campanile non ci sarà futuro per nessuno, Toscana metropolitana, Toscana della costa, Toscana del sud e del nord».

Fonte: Comunicato stampa
Cerza (Cisl): «In Toscana non ci sono più soldi, bisogna attirare investitori da fuori»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento