Toscana
stampa

Coldiretti: Mukki strategica per Toscana e Firenze, no alla svendita

La Mukki è una realtà strategica in equilibrio tra una dimensione economica sana e valori, storia e identità. La politica non può pensare di gestirla come una qualunque altre partecipata della sua galassia. Per Coldiretti Toscana la centrale del latte toscana è una «partecipata speciale» perché ancorata alla storia della città e della regione e soprattutto con i conti in regola.

Percorsi: Agricoltura - Firenze - Toscana

Uno “stabilimento” con una filosofia industriale “in controtendenza” che ha deciso di andare nel futuro rispettando il suo passato. “Chi si assumerà la responsabilità della vendita di questa meravigliosa realtà del nostro territorio – spiega Roberto Nocentini, Presidente dell’Associazione Regionale Allevatori e Presidente Coldiretti Firenze-Prato – dovrà tenere conto della storia e dell’esperienza di un’azienda che ha chiuso, per il quinto anno, con un bilancio positivo tutelando l’occupazione e rilanciando la filiera del latte.

Coldiretti teme una “svendita in saldo” della centrale del latte per accontentare, in tempi brevi, la legge che obbliga gli enti locali alla dimissione delle partecipazioni. “Non dimentichiamoci – conclude Nocentini – che dietro la centrale del latte c’è tutto un mondo di valori ed azioni difficili da monetizzare; c’è il lavoro degli allevatori, un centinaio, che rifornendo la centrale del latte contribuiscono al mantenimento della qualità del nostro paesaggio e c’è una realtà che quest’anno ha festeggiato 60 anni di vita e che rappresenta un pezzo importante dell’identità della nostra regione. Pensiamo bene prima di fare scelte avventate”.

Fonte: Comunicato stampa
Coldiretti: Mukki strategica per Toscana e Firenze, no alla svendita
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento