Toscana
stampa

Commercio, sabato 4 al via i saldi. Il «decalogo» di Confconsumatori

Partono sabato 4 gennaio i saldi in Toscana. Ecco alcune regole da seguire per evitare brutte sorprese.

Percorsi: Commercio

La crisi economica e le manovre governative hanno falcidiato i portafogli delle famiglie. Per chi può permettersi ancora di spendere qualcosa si avvicinano i saldi. Per questo motivo l'associazione Confconsumatori della toscana (www.confconsumatoritoscana.it  - alla quale è possibile rivolgersi per farsi tutelare in caso di raggiri) segnala alcuni suggerimenti che possono evitare quale delusione. Le anomalie vanno comunque segnalate le anomalie al comando dei Vigili Urbani e ad un’associazione di consumatori.

1) Comprate possibilmente in negozi abituali, sarà più facile accertarsi della convenienza, peraltro nelle città in cui i saldi non sono ancora avviati è opportuno fare un giro nel negozio prima dell’avvio della stagione onde verificare il prezzo del bene che interessa.

2) Conservare lo scontrino perché il negoziante è obbligato a sostituire l’articolo difettoso anche se vi sono cartelli con dicitura che i capi in svendita non si possono cambiare.

3) E’ obbligatorio esporre nel talloncino il prezzo pieno, la percentuale di sconto ed il prezzo scontato.

4) Confrontate, anche durante i saldi, i prezzi dei vari esercizi.

5) Verificate che l’etichetta del capo d’abbigliamento contenga la composizione e le istruzioni per la pulizia.

6) La merce a saldo deve essere tenuta fisicamente separata da quella a prezzo pieno.

7)         I negozianti sono obbligati ad accettare il pagamento con carte di credito anche con i saldi; in caso di rifiuto non acquistate il bene e segnalate il caso per scritto alla società servizi interbancari e ad un’associazione di consumatori.

8) Il consumatore ha diritto di provare i capi, esclusa la biancheria intima.

9) Attenzione ai saldi superiori al 50% potrebbero nascondere fregature, come ad esempio merce dell’anno passato, il che potrebbe essere ugualmente un buon affare purchè il negozianti informi il cliente.

10) Attenzione poi, non farsi ingannare da false informazioni, la garanzia per vizi e difetti è di due anni secondo il decreto legislativo 24/2002.

                                                                                              Marco Festelli

Fonte: Comunicato stampa
Commercio, sabato 4 al via i saldi. Il «decalogo» di Confconsumatori
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento