Toscana
stampa

Comunali, ecco com'è andata nei 204 centri toscani

Saranno solo sette su 34 i comuni non capoluogo sopra i 15 mila abitanti che non hanno ancora festeggiato l’elezione del sindaco e che, come Livorno, dovranno ricorrere al ballottaggio, dato che nessuno candidato sindaco ha superato il 50% dei consensi.

Percorsi: Comuni - Elezioni - Politica - Toscana
Comunali, ecco com'è andata nei 204 centri toscani

Per il resto, come nelle europee, il centrosinistra ha fatto man bassa, confermandosi ovunque alla guida dei centri dove si votava (Cortona in provincia di Arezzo; Bagno a Ripoli, Borgo San Lorenzo, Calenzano, Castelfiorentino, Empoli, Fucecchio, Lastra a Signa, Pontassieve, San Casciano Val di Pesa, Scandicci, Sesto Fiorentino e Signa in provincia di Firenze; Collesalvetti, Piombino e Rosignano Marittimo in provincia di Livorno; Capannori e Massarosa in provincia di Lucca; Ponsacco, Pontedera e San Miniato in provincia di Pisa; Montemurlo in provincia di Prato; Agliana e Monsummano Terme in provincia di Pistoia; Poggibonsi in provincia di Siena) nonché nel nuovo comune unito di Figline e Incisa Valdarno (anche questo in provincia di Firenze) dove anche i due sindaci uscenti appartenevano allo stesso schieramento. L’unica conquista, anzi riconquista, la troviamo in provincia di Pistoia e riguarda Pescia, il solo dei comuni non capoluogo a doppio turno in mano al centrodestra, dove Oreste Giurlani, vincendo con il 63,38%, ha ottenuto più del triplo dei voti di Luca Biscioni, sostenuto da Forza Italia e Nuovo Centro Destra - Udc,  che si è fermato al 18,47, seguito dai candidati del Movimento Cinque Stelle e della lista civica Alleanza per Pescia.

Si può dire che il dato pesciatino fotografi, o dia in qualche modo la misura, della debacle del centrodestra che in Toscana – dove appena cinque anni fa aveva ottenuto i suoi migliori risultati a livello amministrativo – sembra stavolta essere andato ancor peggio che a livello nazionale, prova ne sia che in molti comuni della cintura fiorentina (Bagno a Ripoli, Scandicci, Sesto Fiorentino e Calenzano), complici anche alcune divisioni, nessuna lista di quest’area è andata in doppia cifra. E anche laddove Pd e alleati sono stati costretti al ballottaggio, solo a Follonica, Cecina e Montecatini Terme sarà la coalizione imperniata su Forza Italia, peraltro con un distacco iniziale che va dai 13 punti della città termale ai 20 di quella balneare maremmana; forbice ben superiore a quella di Colle Val d’Elsa, dove solo il 3,32% separa la candidata del centrosinistra Miriana Bucalossi (44,83%) da Paolo Canocchi della lista civica «Su per Colle» (41,51%), dov’è confluito il precedente schieramento di opposizione, con il grillino Roberto Galgani come terzo incomodo ormai fuori gioco, essendosi fermato al 13,50%. Oltre che a Livorno, saranno invece proprio i Cinque Stelle gli sfidanti nei casi di Certaldo e San Giuliano Terme, con distacchi iniziali abissali, quasi 29 punti nel primo caso e oltre 32 nel secondo. Si presenta infine come un derby di sinistra la partita di San Giovanni Valdarno, dove per meno di un punto Maurizio Viligiardi, sostenuto dal Pd e dalla civica «Città Futura», non è stato eletto al primo turno e dovrà quindi vedersela con Francesco Carbini, sostenuto dalle civiche «Cresce San Giovanni», «Sinistra per San Giovanni Valdarno» e «Valdarno Città».

Complessivamente, il miglior risultato del centrodestra è stato quello ottenuto dalla ex consigliera regionale Maria Pia Bertolucci, che a Capannori era riuscita a mettere insieme uno schieramento di cinque liste - Forza Italia, Udc, Ndc, Fratelli d’Italia e la sua civica «Insieme si può» - ma che si è fermata al 29,60% contro il 57,22 del sindaco eletto Luca Menesini.

Gli otto ballottaggi

Livorno
Marco Ruggeri - 39,97% (Pd, Sel, Psi, Idv, civica)
Filippo Nogarin - 19,01% (Movimento 5 stelle)

San Giovanni Valdarno
Maurizio Viligiardi - 49,12 (Pd, civica)
Francesco Carbini - 21,54% (3 civiche di sinistra)

Certaldo
Giacomo Cucini - 48,05% (Pd, Sel, civica)
Fabio Cibecchini - 19,15% (Movimento 5 stelle)

Colle Val d’Elsa
Miriana Bucalossi - 44,83% (Pd, Sinistra per Colle, 2 civiche)
Paolo Canocchi - 41,51% (Lista civica Su per Colle)

Cecina
Samuele Lippi 42,63% (Pd, 2 civiche)
Paolo Barabino 28,85% (Forza Italia, 3 civiche)

Follonica
Andrea Benini - 48,47% (Pd, Sel, Centro Dem.-Psi-Verdi, civica)
Daniele Baldi - 28,01% (Forza Italia, civica)

San Giuliano Terme
Sergio Di Maio - 46,17% (Pd, Sel, civica)
Giuseppe Strignano - 13,48% (Movimento 5 stelle)

Montecatini Terme
Giuseppe Bellandi - 47,06% (Pd, 2 civiche)
Riccardo Sensi - 34,23% (Forza Italia, Cen-Des., 2 civiche)

Ma nei centri minori le sorprese non mancano

L'onda lunga del trionfo Pd non è comunque riuscita a infrangersi su tutti gli scogli che il centrosinistra aveva trovato cinque anni anni fa tra i piccoli comuni toscani, e anzi anche qualche altro è rimasto in modo del tutto inatteso all’asciutto. Tra i 167 centri sotto i 15 mila abitanti chiamati al voto, a fare scalpore è soprattutto il caso di Fiesole, dove il candidato cuperliano Andrea Cammelli si è fermato al 43,06% ed è stato, si può dire, superato a sinistra dalla lista civica «Cittadini per Fiesole» che aveva per candidato sindaco Anna Ravoni, ex esponente diessina e poi dem. Ma brucia anche, nell’arcipelago, la perdita di Portoferraio e di Rio nell’Elba, conquistate da civiche di centrodestra, così come pure, nella vicina Val di Cornia, è avvenuto per Suvereto, mentre l’inverso si è verificato per l’altro comune isolano di Campo nell’Elba. Sempre nell’isola, il centrodestra ha mantenuto Capoliveri e Marciana.

Perdite clamorose per i democratici, in provincia di Arezzo, sono senz’altro anche quelle di Pieve Santo Stefano, dove la candidata Miriam Pellegrini si è fermata al 31,54% lasciando la guida del comune ad Albano Bragagni di «Insieme per Pieve», di Castiglion Fiorentino, dove la lista civica sostenuta dal centrodestra «Libera Castiglioni», capitanata dal candidato sindaco Mario Agnelli, ha sbaragliato il campo con il 63,04% relegando «Democratici per Castiglioni» di Luigi Bittoni a un misero 19,65%, di poco superiore al 17,29 del Partito Comunista del Lavoratori di Giuseppe Mazzoli, e di Subbiano. Per contro, il Pd ha conquistato Badia Tedalda, Sestino e Talla lasciando comunque al centrodestra, che già li amministrava, Bibbiena e Monterchi. Mezza conquista dem anche quella del nuovo comune unito di Pratovecchio-Stia, dato che Pratovecchio era amministrato dal centrodestra.

Oltre al caso di Fiesole, in provincia di Firenze, c’è da segnalare il mantenimento di Firenzuola da parte del centrodestra, mentre al centrosinistra sono andati tutti gli altri compreso il nuovo comune unito di Scarperia-San Piero a Sieve.

In provincia di Grosseto l’Isola del Giglio resta al centrodestra, che conquista a sorpresa anche Magliano in Toscana. In provincia di Lucca il centrosinistra conquista Borgo a Mozzano, Castelnuovo Garfagnana, Molazzana e Pescaglia ma non riesce nell’impresa a Giuncugnano, Montecarlo, Sillano, Vagli Sotto e Villa Collemandina né nel nuovo comune unito di Fabbriche di Vergemoli, e per contro perde Castiglione di Garfagnana e Gallicano. In provincia di Massa Carrara non conquista Casola in Lunigiana e perde addirittura Aulla, Filattiera, Podenzana e Tresana.

Va bene ai democratici nei nuovi comuni uniti della provincia di Pisa, Casciana Terme-Lari e Crespina-Lorenzana, entrambi conquistati, così come Monteverdi Marittimo, dove l’altra volta aveva vinto una lista civica non riconducibile ad alcun schieramento. A Pd e alleati l’impresa non riesce invece nelle situazioni analoghe di Pomarance, Volterra e Casale Marittimo, né a Castelnuovo Val di Cecina dove si conferma invece il centrodestra. Per pochi voti il centrosinistra perde Chianni, che passa a una lista civica unitaria, e per uno solo (390 a 391) il centrosinistra perde anche Guardistallo, lasciandolo alla civica «Tutti insieme». Al contrario in provincia di Pistoia, all’Abetone, il sindaco uscente Giampiero Danti, che da indipendente ottiene stavolta anche il sostegno dei democratici, raggiunge la percentuale record del 93,81% lasciando solo il 6,18 a Giorgio Fabbri della civica «Noi… piccoli comuni montani». Sempre nella stessa provincia, il centrodestra mantiene soltanto Chiesina Uzzanese e cede al centrosinistra Cutigliano, Montale e Piteglio. Infine nel Senese il centrodestra mantiene Casole d’Elsa e Pienza e conquista anche Chianciano Terme e Piancastagnaio.

Le curiosità del voto

Diamo qui un quadro riassuntivo delle curiosità principali delle elezioni comunali, precisando che tutti i comuni chiamati al voto e qui non indicati, a parte gli otto chiamati al ballottaggio, sono rimasti in mano al centrosinistra a guida Pd.

Comuni conquistati dal centrosinistra (Pd)
Badia Tedalda, Caprese Michelangelo, Sestino, Talla (AR); Monterotondo Marittimo, Sorano (GR); Campo nell’Elba (LI); Borgo a Mozzano, Castelnuovo di Garfagnana, Pescaglia (LU); Cutigliano, Montale, Pescia, Piteglio (PT); Prato (PO).

Rimasti al centrodestra o a liste civiche
Bibbiena, Monterchi, Pieve Santo Stefano, Subbiano (AR); Firenzuola (FI); Isola del Giglio (GR); Capoliveri, Marciana (LI); Giuncugnano, Montecarlo, Sillano, Vagli Sotto, Villa Collemandina (LU); Casola in Lunigiana (MS); Casale Marittimo, Castelnuovo Val di Cecina, Pomarance, Volterra (PI); Chiesina Uzzanese (PT); Casole d’Elsa, Pienza (SI).

Comuni persi dal centrosinistra (Pd)
Castiglion Fiorentino (AR); Fiesole (FI); Magliano in Toscana (GR); Portoferraio, Rio nell’Elba, Suvereto (LI); Castiglione di Garfagnana, Gallicano (LU); Aulla, Filattiera, Podenzana, Tresana (MS); Chianni, Guardistallo (PI); Chianciano Terme, Piancastagnaio (SI).

Due casi particolari
A Molazzana (LU) e Abetone (PT) e sono stati riconfermati i sindaci uscenti, eletti nel 2009 alla guida di liste civiche e stavolta sostenuti anche dal Pd. In entrambi i casi la seconda lista in lizza era presente più per la paura di non raggiungere il quorum del 50% dei votanti che per una reale competizione, quindi le percentuali della vittoria sono state le più «bulgare» della Toscana: 90,77% a Molazzana e addirittura 93,81% all’Abetone.

Il quadro completo dei comuni fusi
Mantenuti dal centrosinistra (entrambi i comuni orginari erano a guida centrosinistra): Castelfranco Piandiscò (AR), Figline e Incisa Valdarno (FI), Scarperia e San Piero (FI). Conquistati dal centrosinistra (uno era di centrosinistra e l’altro di centrodestra): Pratovecchio Stia (AR), Casciana Terme Lari (PI), Crespina Lorenzana (PI). Conquistati dal centrodestra (uno era di centrosinistra e l’altro di centrodestra): Fabbriche di Vergemoli (LU).

Ti piace vincere facile...
In ben sette comuni era presente una sola lista, sostenuta sempre dal centrosinistra: Camporgiano, Minucciano e San Romano in Garfagnana in provincia di Lucca; Comano in provincia di Massa Carrara; Chiusdino, Gaiole in Chianti e Radda in Chianti in provincia di Siena. L’unico problema, perché il candidato sindaco fosse validamente eletto, era il superamento del 50% dei votanti, tetto ovunque superato anche ampiamente (tranne che a Comano dove ha votato appena il 53,36% degli elettori).

Per un punto Martin...
Il centrosinistra ha perso due comuni (Castiglione di Garfagnana e Guardistallo) per un solo voto ed è riuscito a mantenerne un altro (Chiusi della Verna) per due voti.

Altri numeri e record
Il più giovane tra i sindaci eletti è Giacomo Termine di Monterotondo Marittimo, classe 1989; il più anziano è Rino Simonetti, classe 1943, confermato a Molazzana, mentre le «prime cittadine» elette in questa tornata sono appena 33. In sette comuni sotto i 3000 abitanti i sindaci sono stati rieletti per la terza volta consecutiva, come consente la legge.

Comunali, ecco com'è andata nei 204 centri toscani
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento