Toscana
stampa

Costa Concordia, Rossi scrive a Renzi: le ragioni di Piombino

Sono racchiuse in due pagine le ragioni che consigliano di scegliere Piombino anziché Genova per lo smaltimento della Costa Concordia. Sono le due pagine della lettera che il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, ha inviato oggi al presidente del Consiglio, Matteo Renzi.

Percorsi: Giglio - Governo - Piombino - Regione - Toscana
Parole chiave: enrico rossi (422), matteo renzi (101), concordia (8), costa concordia (59), naufragio concordia (144)

Oltre a sottolineare ancora una volta i maggiori rischi connessi ad un viaggio di 5 giorni verso il capoluogo ligure anziché quelli, cinque volte minori, legati alla destinazione-Piombino, il presidente della Regione richiama i contenuti della delibera del Consiglio dei ministri dell'11 marzo 2013 in cui si indicava nell'utilizzo del porto di Piombino la soluzione preferita, in quanto la meno rischiosa dal punto di vista ambientale.

Nello stesso documento si stabiliva che il Commissario (il prefetto Franco Gabrielli, ndr) era autorizzato ad "adottare tutti i provvedimenti necessari a consentire il trasporto della Concordia presso il porto di Piombino per lo smantellamento", tutto ciò "previa verifica della fattibilità e della convenienza dell'operazione con i ministri dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare e delle infrastrutture e trasporti". Per Rossi questa verifica non c'è stata e passa quindi ad esprimere alcune perplessità in merito alla procedura in atto in seguito alla delibera del Consiglio dei ministri del 13 giugno scorso, ricordando che la conferenza decisoria prevista il 26 giugno prossimo, è convocata per esaminare il progetto presentato da Costa Crociere spa che prevede lo smantellamento della nave a Genova.

"Dunque – è questa la conclusione del presidente Rossi – le previsioni del CdM dell'11 marzo 2013 sono state completamente abbandonate, senza che sia stata compiuta un'adeguata istruttoria basata su un'analisi tecnica della fattibilità e della convenienza dell'utilizzo del porto di Piombino e su una valutazione comparativa dei progetti di smaltimento nei vari porti possibili (Piombino, Civitavecchia e Genova)". Tutto ciò, a parere di Rossi, "viene a costituire una grave criticità procedurale che, laddove fatta valere in giudizio da terzi interessati potrebbe ostacolare il regolare processo di smaltimento della nave e che pertanto è opportuno considerare in questa fase".

Oltre al vizio formale il presidente della Regione evidenzia "l'abbandono, immotivato e privo di una documentata istruttoria, delle originarie determinazioni", che si accompagna "ad oggettive criticità del progetto all'esame della Conferenza decisoria". Per Rossi fonte di preoccupazione per la buona riuscita dell'operazione è anche la previsione, contenuta nella delibera del CdM del 13 giugno scorso, "per cui tutti i visti previsti per il completamento dell'istruttoria tecnica inerenti le competenze ambientali di rilievo nazionale possono ritenersi assorbiti dalle valutazioni compiute dall'Osservatorio ambientale".

"La delicatezza dell'operazione richiede infatti – è questa la considerazione finale del presidente della Toscana – il massimo di attenzione a livello istruttorio, per cui l'Osservatorio, pur dotato di elevate competenze, non può certo assorbire valutazioni che impongono apporti e pareri di specifiche strutture delle Amministrazioni".

Fonte: Comunicato stampa
Costa Concordia, Rossi scrive a Renzi: le ragioni di Piombino
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento