Toscana
stampa

Elezioni regionali: ridotti i limiti di spesa per la campagna elettorale

I limiti di spesa per le campagne elettorali dei gruppi di liste, movimenti e partiti per le elezioni regionali saranno quelli previsti dalla normativa nazionale, inferiori a quelli attuali. Sarà inferiore anche quello per i singoli candidati.

È quanto prevede una legge d’iniziativa consiliare, primo firmatario il presidente della commissione Affari istituzionali Marco Manneschi (Popolo toscano-riformisti), approvata dall’aula con 32 voti a favore e 9 astensioni.

La nuova legge elettorale regionale ha introdotto di nuovo il voto di preferenza, mentre i limiti di spesa attualmente previsti rispondono ad un’impostazione centrata sulle liste bloccate. Per i gruppi di liste, movimenti o partiti si riduce l’importo complessivo ad un euro (nella legge vigente è di euro 1,2) moltiplicato per il numero di elettori residenti nella circoscrizione. Le spese di ciascun candidato circoscrizionale invece non potranno superare l’importo massimo dato da una cifra fissa di 30mila euro incrementata di euro 0,0061 per ogni cittadino residente nella circoscrizione. Per i candidati regionali il limite delle spese è pari alla sola cifra fissa di 30mila euro.

Per i candidati circoscrizionali che si candidano in più circoscrizioni, le spese non possono superare l’importo più alto consentito in una circoscrizione, aumentato del dieci per cento. Per i candidati regionali

che si candidano anche in una o due circoscrizioni le spese non possono comunque superare l’importo più alto di una delle circoscrizioni.

Per evitare possibili elusioni della normativa vigente sulla raccolta delle firme per le liste espressione di gruppi consiliari, si prevede che la dichiarazione attestante la corrispondenza tra partito o movimento politico e gruppo consiliare sia fatta congiuntamente al presidente del gruppo consiliare di riferimento anche nel caso in cui la lista presentata sia contraddistinta da denominazione e simbolo non immediatamente riconducibili a quelli utilizzati dal gruppo stesso.

Con un emendamento al testo licenziato dalla commissione si è inoltre previsto che nel caso delle sole elezioni regionali, la commissione elettorale comunale sceglierà gli scrutatori preferibilmente fra le persone in stato di disoccupazione e quelle prese in carico dai servizi sociali, in condizioni di povertà, con reddito limitato o situazione economica disagiata. I soggetti interessati dovranno presentare un’autocertificazine entro il trentacinquesimo giorno precedente la data delle elezioni.

Fonte: Comunicato stampa
Elezioni regionali: ridotti i limiti di spesa per la campagna elettorale
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento