Toscana
stampa

Firenze: condanna in primo grado per il fondatore del Forteto Rodolfo Fiesoli

Il tribunale di Firenze ha condannato per maltrattamenti e abusi il fondatore della comunità "Il Forteto" Rodolfo Fiesoli a 17 anni e mezzo e a pene fino a 8 anni altri 15 imputati, tutti rappresentanti di spicco della comunità del Forteto. La sentenza di primo grado, arrivata dopo due anni di processo, è stata letta oggi alla presenza di molte delle vittime degli abusi, mentre era assente il fondatore della comunità del Mugello che per molti anni ha accolto minori in affidamento.

Percorsi: Firenze - Minori
Firenze: condanna in primo grado per il fondatore del Forteto Rodolfo Fiesoli

"Con questa sentenza ritengo che sia stata fatta giustizia: la Città metropolitana si sente soddisfatta. Tuttavia c'è poco da esultare perché la sentenza e il processo mettono a nudo una storia drammatica e ci fanno comprendere quanto può essere abominevole l'azione dell'uomo che usa i bei valori come la solidarietà, sfruttando la fiducia dei cittadini e delle Istituzioni". Lo ha detto il sindaco Dario Nardella che questa mattina era presente in aula al momento della lettura della sentenza. "Da cittadino e da amministratore questa vicenda mi ha impressionato. Il primo pensiero va alle vittime e alle loro famiglie - ha continuato il sindaco -. Voglio ringraziare l'avvocatura della Città metropolitana per il lavoro encomiabile che ha fatto: si è costituita parte civile chiedendo un milione di euro di danni, che faremo rivalere nella sede civile". "Penso che da questa sentenza le Istituzioni pubbliche potranno trarre spunto e insegnamento - ha concluso il sindaco - per aumentare il livello di vigilanza e controllo su quelle realtà basate sulla solidarietà, che lavorano soprattutto con i minori, affinché vicende del genere non si ripetano mai più".

"Oggi è un giorno importante: con questa sentenza, sulla cui sostanza non avevo dubbi, sul Forteto si scolpisce una verità giudiziaria che ristabilisce giustizia per le vittime di quel sistema abusante e che di fatto collima perfettamente con le drammatiche risultanze emerse durante i lavori della Commissione regionale d’inchiesta da me presieduta": così il Consigliere regionale di Forza Italia Stefano Mugnai, che nella scorsa legislatura ha presieduto la Commissione d’inchiesta sugli affidi in Toscana alla luce della vicenda Forteto, commenta a caldo la sentenza che, afferma, "restituisce passaggi importanti anche sotto il profilo delle responsabilità in solido della cooperativa, profilo che riapre il tema del commissariamento chiesto dagli ispettori ministeriali e su cui poi, inspiegabilmente, il governo Renzi ha innescato la marcia indietro". Secondo Mugnai, "oggi si condannano le responsabilità penali di questo orrore. Rimane però una pagina tutta da scrivere, ed è quella delle responsabilità politiche e istituzionali che hanno creato terreno favorevole al perpetrarsi di questi fatti nell’arco di trent’anni malgrado due sentenze passate in giudicato. Per questo, come avevo annunciato in campagna elettorale, subito dopo l’insediamento del nuovo Consiglio regionale depositerò richiesta di attivazione di una nuova Commissione d’inchiesta che questa volta indaghi questo aspetto. Parallelamente l’onorevole Deborah Bergamini depositerà oggi alla Camera richiesta affine sottoscritta anche da altri parlamentari". "Siamo determinati – prosegue Mugnai – ad andare in fondo sul ruolo che la Regione ma anche molti altri enti locali, nonché il Tribunale per i minorenni, i servizi sociali, il mondo delle cooperative e larghe porzioni dell’intellighentia non solo toscana hanno avuto nel determinare come minimo una legittimazione culturale e ideologica a quella tana degli orchi dove si continuavano a mandare bambini malgrado sentenze passate in giudicato per reati specifici. Perché è successo? Perché quella struttura ha continuato a beneficiare, tra le altre cose, di fior di finanziamenti pubblici anche regionali, anche per attività rivolte alla genitorialità e all’educazione dei minori? Faremo luce su questo, per ritagliare a tutti quei bambini di allora che hanno sofferto le pene dell’inferno un nuovo e ulteriore spicchio di verità".

Firenze: condanna in primo grado per il fondatore del Forteto Rodolfo Fiesoli
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento