Toscana
stampa

Firenze: da Ente Crf 7 milioni per emergenza sociale

Il welfare è stato individuato quest'anno tra i settori prioritari dell'Ente Cassa di Risparmio di Firenze che ha destinato per il 2013 sette milioni di euro all'emergenza sociale, due in più rispetto allo scorso anno.

Percorsi: Banche - Crisi - Firenze

Lo ha annunciato il Direttore generale della Fondazione Renato Gordini incontrando oggi a pranzo, alla mensa San Francesco Poverino, uno dei luoghi di carità più significativi di Firenze, i vertici dell'istituzione diocesana rappresentati dal vescovo ausiliare monsignor Claudio Maniago (presidente di Solidarietà Caritas onlus, ovvero il braccio operativo) e il direttore Alessandro Martini. «Abbiamo chiesto - ha detto Gordini, che era accompagnato dal vicepresidente professor Pierluigi Rossi Ferrini e da alcuni consiglieri - di poter condividere questo momento conviviale assieme a loro e agli avventori di ogni giorno perché intendiamo testimoniare concretamente la nostra vicinanza e la nostra attenzione a quanti si adoperano con straordinaria generosità nel campo della marginalità sociale».

In particolare è stato rafforzato il contributo agli organismi che operano nel settore alimentare perché l'emergenza sta diventando sempre più acuta. «E' chiaro che questo - ha proseguito Gordini - è l'ultimo anello della catena e che, in parallelo, dobbiamo individuare, e l'Ente Cassa lo sta facendo, soluzioni "a monte" che permettano di non arrivare dove siamo oggi. Soluzioni che riguardano il lavoro (per giovani e meno giovani), l'auto alla piccola e media impresa ed agli artigiani, l'assistenza agli anziani e, comunque, tutto ciò che è ricompreso nel walfare in senso lato».

Fonte: Asca
Firenze: da Ente Crf 7 milioni per emergenza sociale
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento