Toscana
stampa

Focolari: LoppianoLab, per affrontare le crisi rilanciare la «cultura delle diversità»

Si è conclusa ieri a Loppiano la VII edizione di LoppianoLab, appuntamento dedicato all'economia di comunione.

Percorsi: Economia - Focolari - Lavoro - Loppiano
Una edizione di LoppianoLab

«Occorre creare spazi di espressione del ‘noi’ e farli dilagare nel mondo. Le attuali crisi umanitaria, antropologica e della globalizzazione richiedono una nuova cultura: quella delle diversità, capace di affrontare la sfida del dolore. In questa linea si gioca il futuro dell’umanità». Jesús Morán, copresidente dei Focolari, ha concluso la VII edizione di LoppianoLab (30 settembre-2 ottobre) in una mattinata dedicata al 25° dell’Economia di comunione e al 60° del gruppo editoriale Città Nuova. «L’Economia di comunione» (EdC) è «un processo e non un prodotto – ha affermato l’economista Luigino Bruni –; ogni persona o azienda che vi aderisce la trasforma e la fa crescere: come le 50 imprese africane che negli ultimi 4 anni si sono aggiunte, o il progetto EoC (International Incubating Network), un incubatore di start up a sostegno dell’imprenditoria giovanile in tutto il mondo». Che cosa farà andare avanti l’EdC? «Sarà la gente che vi aderisce – secondo Bruni – libera e di diverse provenienze culturali, non ancorata a ideologie, ma con un’autentica vocazione civile».

Dal canto suo Stefano Zamagni, citando una indagice Ocse, ha ricordato che oggi il 75% degli occupati è impegnato in lavori ripetitivi. «La vera sfida – ha spiegato – è saper creare lavoro; l’EdC ne ha tutte le capacità e solo così contribuirà in modo decisivo a sconfiggere la povertà».

Focolari: LoppianoLab, per affrontare le crisi rilanciare la «cultura delle diversità»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento