Toscana
stampa

Grosseto, l’appello del vescovo per l’emergenza degli incendi

Da giorni nel grossetano si verificano ripetuti incendi dolosi. Sulla vicenda interviene il vescovo, Rodolfo Cetoloni, con un appello: «Nessun malessere può giustificare uno scempio di questo tipo. Chi ferisce così la nostra terrà dovrà rendere conto a se stesso e a Dio. Solidarietà e gratitudine a chi lavora per domare le fiamme e per porre fine a questa situazione dolorosa».

Incendi

Ecco il testo dell'appello del vescovo:

Gli incendi che, per mano di ignoti, stanno ferendo nel profondo la nostra terra inducono allo sgomento e mi spingono a lanciare un appello, dal cuore, con umiltà, ma anche con fermezza a chi sta compiendo questi crimini. Stiamo infatti, tutti, assistendo attoniti allo scempio del territorio, al pericolo che ogni incendio genera e al dispendio di energie pubbliche per domare le fiamme e per contenere i danni.

Non vi è rabbia o malessere che possa motivare tale cattiveria e uno scempio di questo tipo.

Ogni incendio è una ferita inferta ad ognuno, è un male che si annida ancor più nel cuore di chi lo compie e di cui dovrà rendere conto a se stesso, alle autorità competenti e al buon Dio, creatore di tanta bellezza sparsa nelle nostre terre ed affidata ad ognuno di noi perché ne siamo sapienti amministratori e non per sfregiarla in questo modo.

Piena solidarietà alle istituzioni impegnate a gestire questa difficile situazione, ai Vigili del fuoco, ai Corpi di Polizia municipale, alle forze dell’ordine, agli operatori del soccorso e ai volontari che mettono a disposizione se stessi, le loro energie ed il loro tempo, tutti con una dedizione encomiabile, che dimostra un attaccamento bello al territorio.

+Rodolfo, vescovo

Grosseto, l’appello del vescovo per l’emergenza degli incendi
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento