Toscana
stampa

Isola del Giglio, danneggiata la «Stella Maris»

Il Sindaco Ortelli, dopo il danneggiamento della statua: «Abbiamo devozione e rispetto per colei che protegge i naviganti e chi va per mare e quindi è giusto restituirla quanto prima integra ai gigliesi».

Percorsi: Giglio

«La statua della Madonna Stella Maris verrà riparata quanto prima dall’Amministrazione Comunale in accordo con lo scultore Umberto Togni che l’ha donata e realizzata alla comunità». E’ quanto afferma il Sindaco del Comune di Isola del Giglio Sergio Ortelli in seguito al danneggiamento del dito indice della mano sinistra dell’opera. «Se si sia trattato di un incidente o di un atto di vandalismo lo accerteranno gli organi preposti, noi intanto sporgeremo querela contro ignoti. Abbiamo una profonda devozione e un grandissimo rispetto per la Madonna Stella Maris che protegge i naviganti e chi va per mare e quindi è giusto restituirla quanto prima integra a tutti i gigliesi».

La statua era stata posata sul molo di Levante lo scorso mese di maggio con una cerimonia ufficiale. Realizzata e donata dallo scultore Umberto Togni l'imponente statua di marmo bianco è fissata su un'antica macina granitica di frantoio, donata dalla famiglia Avagliano.

Una messa nella chiesa dei Santi Lorenzo e Mamiliano, una processione aperta dall'Associazione Marinai d'Italia e dalla banda musicale Enea Brizzi avevano preceduto la benedizione della Madonna da parte del parroco don Lorenzo Pasquotti. Quella delle sculture a protezione della gente di mare è una tradizione nell'isola. Al Giglio, nel sito di immersione de Le Scole sono già presenti sott'acqua, un'altra Madonna Stella Maris, insieme ad una scultura che raffigura due delfini e un subacqueo, la statua del Cristo del giubileo del 2000 benedetta da Papa Giovanni Paolo II e un'ancora ammiraglia.

Fonte: Comunicato stampa
Isola del Giglio, danneggiata la «Stella Maris»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento