Toscana
stampa

Livorno, liberata in Meloria la tartaruga marina «Goccia»

«Goccia», rimasta impigliata otto mesi fa nelle reti da pesca, è stata restituita al mare nelle acque dell’Area Marina Protetta delle Secche della Meloria.

Percorsi: Ambiente - Mare
La tartaruga liberata in mare

La tartaruga, così battezzata dagli esperti veterinari e biologi marini dell’Acquario di Livorno che l’hanno curata, si è finalmente rituffata nel suo habitat dopo quasi 8 mesi.

La Capitaneria di Porto di Livorno, che a dicembre scorso era immediatamente intervenuta a seguito della segnalazione del ritrovamento dell’animale impigliato in una rete da pesca a poche miglia dal porto labronico, ha coordinato le operazioni di rilascio in mare, lo scorso 4 agosto.

Queste sono avvenute a cura dei biologi dell’Acquario, con la collaborazione dell’ARPAT, appositamente imbarcati su una motovedetta della stessa Capitaneria, con il supporto dei subacquei del Nucleo Sommozzatori della Guardia Costiera di Genova che hanno seguito i primi movimenti dell’animale nel proprio ambiente naturale. L’esemplare, una caretta caretta, specie marina difesa da un’apposita convenzione internazionale che tutela la flora e la fauna minacciata dal pericolo di estinzione, sarà monitorato dagli esperti biologi degli enti scientifici interessati, che seguiranno i suoi spostamenti attraverso un sistema satellitare di tracciamento.

La Guardia Costiera ricorda che tutte le comunicazioni, per segnalare ogni tipo di emergenza in mare, possono essere effettuate tramite il numero blu 1530, gratuito ed attivo su tutto il territorio nazionale, 24 ore su 24, che permette di contattare la Capitaneria di porto più vicina, per un intervento immediato.

Livorno, liberata in Meloria la tartaruga marina «Goccia»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento