Toscana
stampa

Mattarella a Firenze in tram: in Italia bisogno di legalità

Dopo il volo di linea per andare a Palermo, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha fatto parlare ancora di sé per il mezzo di trasporto scelto, questa volta per la sua visita in Toscana.

Mattarella a Firenze in tram: in Italia bisogno di legalità

Mattarella è arrivato in treno a Firenze e da qui ha preso il tram fino a Scandicci dove ha partecipato alla cerimonia di inaugurazione dell'anno formativo della Scuola superiore della magistratura a Villa Castelpulci.

«Va apprezzata l'attenzione che la scuola riserva alle riforme legislative in atto e alle strategie organizzative volte al recupero di efficienza, necessario per rispondere al bisogno di legalità fortemente avvertito nel nostro Paese», ha detto. Un bisogno a cui i magistrati devono rispondere con il loro fondamentale compito «né di protagonista né di burocratico amministratore di giustizia». «Per essere efficace», ha aggiunto Mattarella, serve «una risposta di giustizia tempestiva».

E poi ha annunciato: «Come hanno fatto i miei predecessori, Ciampi e Napolitano, ho in programma di incontrare i giovani magistrati alla fine del loro tirocinio». Il presidente Mattarella ha espresso apprezzamento per la scuola che si è rivelata capace di offrire «un percorso formativo completo e moderno» e, ha sottolineato, per i magistrati che aspirano a ricoprire incarichi direttivi, che «sovrintendere ad un ufficio giudiziario richiede, infatti, oltre alle capacità professionali, competenze organizzative e attitudini relazionali. Esse devono essere promosse e sviluppate in stretto coordinamento con il Consiglio superiore, cui è demandata la scelta dei dirigenti».

Fonte: Asca
Mattarella a Firenze in tram: in Italia bisogno di legalità
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento