Toscana
stampa

Meningite: sta meglio 20enne ricoverata a Prato

Migliorano le condizioni di salute della ragazza di 20 anni ricoverata dalla tarda serata del 31 dicembre al Santo Stefano di Prato, con meninigite di tipo C. La prognosi è ancora riservata ma i medici sono ottimisti. La buona reazione alle terapie dipende anche dal fatto che la ragazza era vaccinata.

Percorsi: Prato - Sanità
Parole chiave: Meningite (68)
Vaccinazione

Sta meglio la ventenne pratese colpita da meningite e ricoverata dalla tarda serata del 31 dicembre al Santo Stefano di Prato. Anche se la prognosi resta ancora riservata la sua situazione è decisamente migliorata e sta rispondendo alle cure.  La ragazza si è svegliata ed ha parlato con i genitori ed i medici. «Il sensibile miglioramento delle condizioni cliniche della ragazza e la positiva risposta alle terapie - spiega il direttore dell'area anestesia e rianimazione dell'Ausl Toscana

centro e della terapia intensiva dell'ospedale pratese, Guglielmo Consales - è sicuramente dovuto alla tempestività e appropriatezza dell'intervento dei sanitari ed al fatto che la ragazza fosse vaccinata. A distanza di 36 ore dall'arrivo in pronto soccorso, abbiamo il dovere di essere ancora prudenti ma oggettivamente la situazione è cambiata in modo significativo. Le condizioni erano critiche, abbiamo messo in campo tutti i trattamenti intensivi adeguati per le sepsi da meningococco».

Consales sottolinea ancora ua volta che «il vaccino è sicuramente un'arma efficace anche per quelle persone che non hanno una piena risposta di immunità contro la malattia». 

Meningite: sta meglio 20enne ricoverata a Prato
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento