Toscana
stampa

A Portoferraio (che festeggia 450 anni) l’Assemblea regionale

Misericordie, assemblea regionale: impegno e servizi in tutta la Toscana

L'assemblea si è aperta con la relazione del presidente Corsinovi. Fratoni: «Misericordie realtà irrinunciabile. Avete riportato speranza nelle zone del sisma». Ancora 100 i volontari sul campo. Saccardi: «Misericordie, contributo indispensabile al sistema sanitario regionale»

L'assemblea delle Misericordie a Portoferraio

«La sfida per la Federazione delle Misericordie è quella di saper rispondere in maniera omogenea su tutti i territori della Toscana, anche quelli più periferici e distanti con la stessa offerta di servizi e impegno a favore delle nostre comunità; una sfida tanto più importante oggi che il pubblico arretra drammaticamente sotto la scure dei tagli economici». Lo ha detto il presidente della Federazione regionale delle Misericordie della Toscana, Alberto Corsinovi, nella sua relazione all’Assemblea della più antica e numericamente più importante realtà del volontariato della Toscana, in corso a Portoferraio.

«Se però – ha aggiunto Corsinovi – essere presenti è più agevole nei territori urbanizzati e facilmente accessibili, diventa di gran lunga più difficile sui territori periferici. Per questo è fondamentale il rafforzamento del vincolo associativo tra le Misericordie della Toscana. Con un’attenzione particolare affinché lo stile delle Misericordie, secondo la raccomandazione del Papa, lo si riesca a rilanciare in maniera concreta, al di là dei proclami».

rappresentanti delle 310 Misericordie della Toscana hanno scelto Portoferraio per l’Assemblea perché proprio nel 2016 la locale Misericordia compie 450 anni di vita e di attività a servizio della comunità di cui è espressione. I lavori sono stati aperti proprio dal saluto del sindaco di Portoferraio Mario Ferrari e delPresidente della Misericordia di Portoferraio Simone Meloni.

Un riconoscimento forte dell’impegno delle Misericordie è venuto anche dall’assessore regionale alla protezione civile Federica Fratoni, intervenuta ai lavori di questa mattina. «Le Misericordie – ha detto – costituiscono un pezzo fondamentale e irrinunciabile del sistema di protezione civile. Ma ciò vale più in generale per il sanitario, per il sociale, per l’accoglienza agli immigrati. Credo che il rapporto tra la Regione e il volontariato funzioni molto bene.» «I vostri ragazzi – ha detto poi Fratoni parlando dell’intervento nelle zone terremotate del Centro Italia – hanno riportato umanità e speranza dove c’era disperazione. Ora, dopo l’emergenza, si apre una fase nuova e anche qui il pubblico non è in grado di mettere in campo tutto quello che serve: i vostri progetti e il vostro contributo saranno preziosi». Al momento sono un centinaio i volontari delle Misericordie ancora impegnati nelle zone colpite dal sisma, nei campi della Regione Toscana a Musicchio e Cornillo nuovo e in quello nazionale delle Misericordie a S. Angelo di Amatrice.

Nel pomeriggio, dopo un incontro con i quadri dirigenti del movimento nazionale sul «Ruolo e impegno delle Misericordie in caso di grandi emergenze» ha parlato l'assessore regionale alla sanità Stefania Saccardi. «Mi fa piacere essere a questo appuntamento delle Misericordie, dare il segnale della presenza mia, oltre che quella dell’assessore Fratoni stamani, e di una Regione molto presente a fianco del volontariato, che è un asse portante delle nostre politiche», ha esordito l’assessore alla sanità. «Stamani ero impegnata a Firenze per la Conferenza nazionale sulla disabilità, ma non ho voluto mancare – ha continuato Saccardi – perché questo momento importante per le Misericordie arriva tra l’altro a poca distanza dalla firma di un importante accordo con tutto il sistema del volontariato e dall’intesa firmata a metà agosto che definisce, direi per la prima volta, non solo il budget 2015 e 2016 ma anche 2017, con un notevole incremento di risorse sul 2016 e 2017; con anche una serie di accordi importanti per il trasporto delle persone con problemi oncologici, con accordi sulla gestione dell’ossigeno, sull’unificazione dei percorsi di formazione e anche tutto ciò che attiene le attrezzature che devono stare sulle ambulanze, in modo che d’ora in avanti ci sia una gestione omogenea in tutto il territorio della regione Toscana».

L’assessore ha poi definito «indispensabile» il contributo delle Misericordie e del volontariato alla sanità toscana: «Lo abbiamo visto anche in occasione del terremoto ad Amatrice, – ha aggiunto - l’apporto straordinario del volontariato toscano che ha dato un segnale di grandissima competenza, capacità prontezza. Eravamo lì tra i primi. Il campo della Toscana anche sotto il profilo sanitario è in quei luoghi un esempio a cui si rivolgono tutti per grande efficienza e competenza e quindi sicuramente credo che sia un dialogo indispensabile». 

Domani spazio ai festeggiamenti per il «compleanno» della Misericordia di Portoferraio, a partire dalle 9,30, con la presentazione (nella Chiesa della Reverenda Misericordia, in via della Misericordia) dell’opera di Misericordia «Vestire gli ignudi».

Alle ore 11, nel Duomo di Portoferraio in programma la Messa, presieduta da monsignor Carlo Ciattini, vescovo di Massa Marittima-Piombino, con la cerimonia di vestizione di vari fratelli e sorelle di Misericordie toscane. Al termine della Messa verrà benedetta la nuova ambulanza della Misericordia di Portoferraio.

Fonte: Comunicato stampa
Misericordie, assemblea regionale: impegno e servizi in tutta la Toscana
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento